La Stagionalità in pizzeria, l’estate è diversa dall’ Inverno..

pizzapipipizzaUn buon pizzaiolo sceglie solo prodotti stagionali ed è importante che anche i consumatori si abituino, non è possibile, infatti mangiare i friarielli in Estate, chi ve li serve utilizzerà solo prodotti congelati, chissà come e chissà da quando, oppure non è nutrizionalmente corretto utilizzare ingredianti che potrebbero nuocere o non essere al meglio gustati dato il grande caldo….Quindi ecco come fa un ottimo pizzaiolo, un pò come operiamo  con l’abbigliamento di casa con il cambio di stagione…Con l’arrivo dell’estate  Ciro Salvo ha pensato di svestire il suo menu di pizze invernali sperimentandone di nuove con prodotti ed ingredienti freschi e di stagione.Ecco dunque che  la pizza salsiccia e friarielli, con salsiccia di maiale nero casertano, lascia il posto in tavola al pesto di zucchine o ai datterini di Montoro che perfettamente si sposano con il fior di latte di Agerola, con il San Daniele DOP 18 mesi, con il Grana Padano DOP 24 mesi. Il tutto condito ad arte dall’olio extravergine d’oliva selezioni Don Alfonso 1890. Per gli amanti della carne va segnalata la nuovissima Carpaccio e Rucola: pizza con carpaccio di marchigiana igp, rucola fresca e scaglie di Grana stagionato. 

Poi ancora Fiori di Zucca che incontrano il Conciato Romano “Presidio Slow Food”, o il soffice ripieno fritto con provola di bufala e datterini di Montoro. Da non perdere anche la pizza Tonno e Cipolle, versione estiva della celebre pizza dell’Alleanza che ha consacrato Ciro Salvo nell’Olimpo dei Pizzaioli; dentro solo il meglio della produzione locale: sugo di pomodorini datterini delle colline di Montoro, tonno pugliese Colimena, fior di latte di Agerola, cipolle ramate di Montoro, origano del Monte Saro e olio di Don Alfonso. Sul menu anche la marinara con scarole, con pomodorini del Piennolo del Vesuvio DOP, scarole cotte al vapore, aglio dell’Ufita, olive nere taggiasche, capperi di Salina “Presidio Slow Food”, viene meritatamente promossa e diventa Pizza 50kalò!

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.