Lun. Mag 20th, 2024

Non smetteremo mai di lodare il movimento della rivoluzione della pizza o delle pizzerie gourmet che dir si voglia; grazie a questo  si possono provare suggestive esperienze gastronomiche a portata di tasca in grado di rivaleggiare con la ristorazione di livello. In questo ambito,  una delle mete da provare è senza dubbio la Pizzeria Ciro Savarese ad Arzano. Con il timbro di una delle famiglie di pizzaioli più antiche di Napoli, ovvero gli Oliva, giunge  alla quarta generazione  una passione intramontabile per la pizza napoletana, Ciro è oggi si custode di tradizioni, ma anche alfiere del contemporaneo e del futuro, con una creatività non banale ed una cura decisiva alle materie prime,  protagonista di una pizzeria che fa del buon bere, italiano e francese un esempio di come il consumatore possa usufruire della sua pizzeria per vivere al meglio una esperienza di curiosità e gusto.

Dal 2002 Savarese apre ad Arzano Anema & Pizza solo per pizze da asporto ma nel tempo si aggiungono altre due sale che gli  consentono  di diventare un importante riferimento non solo per Arzano ma anche per i paesi limitrofi. A novembre del 2018 inizia il totale restyling del locale che alla riapertura prende il nome del titolare. Sempre pronto a sperimentare nuove tipologie di impasto e attento in modo quasi maniacale alla qualità delle materie prime che utilizza sulle sue pizze Savarese fa il suo ingresso nel 2020 con 2 spicchi nella Guida delle Pizzerie d’Italia del Gambero Rosso.

Nel menù in bella consultazione anche sul ben fatto sitoweb, abbiamo degustato una parte della sua produzione iniziando dai fritti, crocchè ( patata di Avezzano) e frittatine, produzioni che sono diventate oggetto di un ulteriore modello di business del vulcanico Ciro e della sua famiglia, ovvero Ciro Savarese Lab, un laboratorio interamente dedicato alla produzione artigianale “top quality” di fritti della tradizione napoletana per forniture ad aziende ristorative di tutta Italia. Nei 90 mq di laboratorio, vicino ma separato dalla pizzeria,  attrezzato con una cucina professionale all’avanguardia, Ciro produce 15 tipologie di fritti tra crocchè, frittatine e arancini, che il cliente finale deve solo rivestire con la giusta panatura e friggere.

Ritornando a tavola, ad accompagnare i fritti e poi un gustoso mini bun con genovese realizzato con farina multicereali, ecco lo chenin blanc Vouvray, dalla Valle della Loira per accompagnare la gentile frittura, in attesa di  esordire poi nel mondo della pizza di Ciro con la Regina Margherita, pomodoro San Marzano Dop schiacciato a mano, mozzarella di bufala campana Dop e scaglie di parmigiano reggiano Dop, bella mano su impasti con tipo 1 di Molino Dallgiovanna,  ma Ciro è abituato a “costruirsi” suoi blend utilizzando più marche e tipologie. Poi largo a tre proposte di grande felicità: la Pizza in pala “Iberica” con fior di latte, crosta di parmigiano reggiano Dop, salsa di pomodoro giallo, prosciutto crudo iberico, stracciata di mozzarella e pepe, il Padellino “Brace” con crema di patate dolci alla brace, prosciutto cotto Branchi, bufala affumicata di Latte Nobile dell’Appennino campano e crema di porro alla brace”. Cosa bere? Ecco come divertirsi da Ciro anche competente e appassionato di vino: Gamay Couteau Borguignon 2020, Quartum, Asprinio di Cantine di Criscio, Champagne Legrand & Fils Cuvee reserve Brut. Da dire, per chi vuole una offerta con birra,  che la scelta può cadere anche su etichette  a marchio Savarese fatte da una buona realtà artigianale umbra. Varrebbe la pena addirittura venire da Ciro anche solo per le proposte dolci come il Padellino agrumato con frutta candita e vaniglia ricoperto con lamelle di mandorle, miele al tiglio e confettura di albicocca del Vesuvio “crisommola, non paghi però,  abbiamo assaggiato anche la versione al gianduia…. in abbinamento una chicca dell’enologia italiana da fine pasto, direttamente da Udine, Ramandolo Docg, passito da verduzzo che potrebbe anche ben abbinarsi al padellino a base di jamon iberico.

Insomma da Ciro Savarese, imprenditore vero nel senso più nobile della attitudine al lavoro, ci si può sbizzarrire per ogni tasca ed occasione, dalla veloce colazione di lavoro ( aperto anche a pranzo e assiduamente frequentato dai protagonisti delle dinamiche attività produttive della zona) o per la cena gourmet, in un locale bello ed elegante che ricorda il miglior arredo di sushi bar alla moda della modernità metropolitana, il tutto col lavoro di uno staff rodato in molti anni, e in questo ambito lo scarso turnover di personale è sinonimo di qualità per il cliente, sicurezza e civiltà del lavoro, insostituibile poi il contributo in sala di consorte e figli di Ciro, pronti a ricevere il testimone per avviare la quinta generazione.

 

Pizzeria Ciro Savarese

Via Napoli, 208

Arzano (Na)

Tel. 081 5732673

www.cirosavarese.it

Ciro Savarese Lab

Via Taormina, 9

Arzano (Na)

Tel. 379 1985795

www.cirosavareselab.it

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.