Il Concerto d’Erbe e i Dolci delle Clarisse a Tramonti

ConcertodierbeGirando per Tramonti è bello curiosare nelle frazioni che costituiscono l’abitato , dove in ognuna,anche la più piccola vi è una chiesa, tra le più interessanti è senza dubbio Pucara con la Chiesa di S.Erasmo del 1400 e con tele di Luca Giordano al suo interno.Caratteristica della chiesa è un luogo di sepoltura vicino alla sagrestia , un sedile, come ne troviamo molti a Napoli, dove i morti “scolavano” a causa di un foro al centro della seduta su cui le salme venivano adagiate. A Pucara troviamo il Conservatorio dei Santi Giuseppe e Teresa, di costruzione settecentesca, questo fu uno degli educandati della nobiltà femminile napoletana ed è qui che fu inventata la Melenzana dolce. Le suore erano solite preparare il concerto d’erbe,  un elaboratissimo  infuso ottenuto con la macerazione nell’alcool, per un mese, chiodi di garofano, anice, limoni verdi cannella, liquirizia, una quarantina di tipologie di erbette, tra cui timo e maggiorana, noce moscata, questo alcool veniva poi diluito con uno sciroppo ricavato dall’orzo . Il liquore era utilizzato per profumare le loro creazioni dolciarie, infatti anche una melenzana fritta, intinta nel concerto d’erbe, diventava la melenzana dolce. Oggi, in giro per Tramonti, è possibile trovare qualche bottega artigianale che prepara il Concerto d’erbe e , in qualche casa,  potrete chiedere di assaggiare la melenzana dolce  o di prepararla con il prezioso infuso.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.