I Rosati di Slow Wine in una cena al Cellaio di Don Gennaro

Franca Di Mauro ha accolto nel suo ristorante dell’Alleanza, che di recente ha riconfermato la chiocciola Slow Food delle Osterie d’Italia, appassionati del vino e del cibo “buono, pulito e giusto”, per una serata dedicata ad alcuni vini rosa censiti dalla prestigiosa guida Slow Wine, presentata pochi giorni or sono a Montecatini Terme.

Un’occasione per discutere e confrontarsi anche su questo prodotto editoriale, fiore all’occhiello di Slow Food Editore e vademecum per i winelovers, insieme ad Alessandro Marra, co-coordinatore regionale della guida.

Franca non è solo il volto e l’anima del Cellaio di Don Gennaro ma anche sommelier e membro dell’Associazione “Le Donne del Vino” e forte di questo bagaglio ha pensato un menù ad hoc per la serata, con l’abbinamento di vini rosa campani.

Si è iniziato con un cuoppo fritto di mare con sfoglie di zucca e salvia in pastella insieme a un calice di “Denazzano” di Luigi Maffini, per poi continuare con ravioli ripieni di ricotta al limone in guazzetto di vongole e il Lacryma Christi Bio Rosato di Sorrentino; ancora, pesce azzurro di passo scottato all’aceto rosso invecchiato e alloro con un bicchiere di Aglianico del Taburno Rosato di Nifo Sarrapochiello, per concludere con una tartelletta di frolla con mousse di ricotta, lonzino di fichi e noci della penisola sorrentina in abbinamento allo spumante rosato “Principe Lotario” di Fontanavecchia.

La serata ben organizzata da Assunta Vanacore ha visto tra gli ospiti Benny Sorrentino, patron dell’omonima azienda di Boscotrecase,  Mauro Avino, Fiduciario della Condotta Costiera Sorrentina e Capri e Referente Regionale dei Mercati della Terra e Ferdinando Rossi, Referente Regionale del Progetto dell’Alleanza.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.