Buona musica, divertimento e piatti in “edizione limitata” per la 19ma Sagra del Fagiolo a Campoli del Monte Taburno

E’ fissato per Sabato 4 e Domenica 5 Agosto l’ormai irrinunciabile appuntamento con la Sagra del Fagiolo, che torna come ogni anno con un week end all’insegna del gusto e del divertimento nella classica cornice di piazza La Marmora a Campoli del Monte Taburno.

Due serate con 2 menù diversi, nei quali i “fasuli” saranno protagonisti assoluti, declinati in una vasta gamma di pietanze, bagnate come sempre dall’Aglianico delle cantine locali.

La prima sera i numerosi aficionados provenienti da tutta la regione potranno assaggiare il “ciambuotto”(tipica pietanza locale con fagioli e pezzi di pane insaporiti e sapientemente amalgamati), e  i ‘fagioli a modo nostro’ (stufato di fagioli insaporito con carne di maiale). Domenica sera invece si potranno provare due classici come la pasta e fagioli e i fagioli con la verdura.

La novità gastronomica di questa 19ma edizione la anticipa il presidente della Pro Loco Monte Taburno, Giuseppe Caporaso: “Quest’anno daremo la possibilità ai cultori dei sapori della tradizione campolese di degustare un’altra pietanza tipica, la trippa coi fagioli, che però sarà in ‘edizione limitata’, solo 100 porzioni a sera”. Novità anche per quanto riguarda l’allestimento scenografico, che promette grosse sorprese.

La manifestazione prevede due menù diversi anche dal punto di vista musicale: sabato sera saranno di scena canti popolari, tammurriate e pizziche con il noto gruppo di musica popolare dei ‘Kanticantica’, mentre domenica spazio alle scuole di ballo locali e ai numerosi ballerini amatoriali grazie al giovane gruppo di liscio e latino americano ‘Jonhatan e la buona musica’.

Non solo divertimento per i più grandi, ma anche per i piccini, grazie alla oramai consueta presenza della Croce Rossa, che allestirà un campo animazione, dove i bambini saranno impegnati con giochi di gruppo.

Tutti coloro che apprezzeranno i sapori della pianta leguminosa importata dall’America centrale a metà Settecento, potranno come sempre acquistarla, nelle classiche “pignate” di terracotta, presso la “bottega del fagiolo”.

In chiusura verranno infine estratti i biglietti vincenti della lotteria legata alla manifestazione.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.