A Taurasi i giochi delle Olimpiadi del Vino

Nei pressi del borgo medievale del centro irpino noto per il suo pregiato vino: giochi, intrattenimento, prodotti tipici di eccellenza, Stands gastronomici, corteo storico, sbandieratori, espositori, cantine aperte. Con il patrocinio di Comune di Taurasi, Regione Campania Assessorato Agricoltura e attività produttive, Comune di Aiello del Sabato, Pro Loco Taurasi, GoWine.

Enti ed Eventi per la promozione del territorio. Questo il filo conduttore degli interventi del convegno tenutosi a Taurasi il 29 agosto in apertura delle Olimpiadi del Vino 2008. Il convegno dal titolo “Eventi e manifestazioni come vetrina, promozione, motore di sviluppo del territorio””, moderato da Stefano Casale, si è tenuto nella sala Carlo Gesualdo del Castello di Taurasi.

L’apertura del convegno ha visto Tania Ventullo, membro del consiglio di amministrazione della Pro Loco di Taurasi, presentare il resoconto della decima Fiera Enologica di Taurasi: Oltre 60mila presenze in cinque giorni, 300 etichette in degustazione per 65 aziende vitivinicole, 50 aziende di prodotti tipici presenti e un programma ricchissimo fatto di degustazioni e banchi d’assaggio, laboratori enogastronomici, musica live con più di dieci concerti, film a tema, visite alle cantine, spazi espositivi, spettacoli itineranti, estemporanee di pittura, il confronto con la realtà vitivinicola della Lombardia, regione ospite di quest’anno, la presentazione della guida sui vini d’Irpinia di Luciano Pignataro e la giornata dedicata a “Le donne del borgo”, focus sul lavoro al femminile nelle zone rurali.

Inoltre, grazie ad sondaggio proposto ai visitatori della fiera, progettato dall’ing. Stefano Casale, dal dott. Gaetano Casale e dalla psicologa Loredana Casale, si è avuto un oggettivo riscontro del gradimento della speciale atmosfera che la Fiera Enologica ed il suggestivo Borgo Medievale di Taurasi suscita nei suoi visitatori. Grazie all’indagine per età, sesso, provenienza, gradimento del vino e attese, sono emerse anche indicazioni circa i punti di forza e debolezza della manifestazione che saranno presi in carico per il miglioramento continuo della Fiera Enologica di Taurasi.

Il secondo intervento è stato di Anna Maria Epifani, rappresentante della Enoteca della Regione Marche e dell’associazione di produttori marchigiani ASSIVIP. Il suo intervento ha messo in risalto la necessità di realizzare eventi anche fuori dal proprio territorio, partecipare, dunque, a fiere ed incontri come le Olimpiadi del Vino o Vinitaly, contribuendo alla loro crescita e credibilità. Altri fattori importanti per la promozione del territorio devono essere promozione pubblicitaria, sinergia delle istiruzioni con il territorio e produttori, professionalità e cortesia degli operatori.

L’intervento successivo, di Mimma Farisano della GrandTour servizi al turismo di Lauria, ha posto al primo punto la tutela e promozione delle risorse locali, delle antiche tradizioni, di qualità e professionalità per vincere la sfida della concorrenza sul mercato turistico globalizzato. Per Sabrina Benenati, Assessore alle Attività Produttive del Comune di San Gimignano, è necessario puntare su una forte sinergia dell’amministrazione locale con il settore commerciale, valorizzando le aspirazioni degli operatori commerciali, i prodotti di nicchia e le tradizioni. Questo ponendo la massima attenzione all’ospitalità e alla gentilezza degli operatori tusirstici.

Valentina Bonci, dell’azienda vitivinicola marchigiana Bonci, invita a riflettere, dal punto di vista di un produttore, dell’importanza di passione e professionalità degli operatori. Il professor Pino Martiniello, consigliere del Comune di Taurasi, ha tenuto a ricordare come il territorio di Taurasi sia ricco di rilevanti attrattive naturalistiche, culturali, architettoniche ed archeologiche, degne di tutela e promozione in affiancamento al pregiato vino DOCG che prende il nome dal paese irpino.

I lavori si sono chiusi con l’intervento di Antonio Buono, Sindaco di Taurasi e Presidente del Consorzio di Tutela dei Vini d’Irpinia. “L’impegno delle istituzioni e della comunità – afferma il Sindaco di Taurasi, Antonio Buono – deve concretizzarsi ancora di più nello sviluppo della cultura dell’accoglienza. Dobbiamo prendere coscienza delle nostre potenzialità e proprio per questo a breve organizzeremo dei corsi di accoglienza. Il turista si aspetta da noi la stessa qualità che trova nel nostro vino, ed è su questo – e su un’offerta che va portata su 365 giorni l’anno – che dobbiamo lavorare”.
Il 31 agosto, dopo la sfilata del Corteo Storio e delle squadre, avranno inizio i giochi delle Olimpiadi del Vino 2008. Si tratta di una manifestazione di rilevanza nazionale che vede, quest’anno, la partecipazione delle regioni: Basilicata, Campania, Marche, Toscana.
Prevede un incontro tra territori produttori di vino che, dopo una prima fase di intrattenimento, scambi di idee in convegni, visite ai luoghi di interesse sul territorio, si conclude con una vera e propria sfida di piazza tra le squadre delle delegazioni intervenute.
L’edizione 2007 delle Olimpiadi del Vino, pure svoltasi a Taurasi, ha visto la partecipazione di San Gimignano (Toscana), Conegliano Veneto (Veneto), Paesi del Barolo (Piemonte) e Taurasi (Campania).

L’edizione 2008 vede come partecipanti San Gimignano (Toscana) produttore del vino Vernaccia di San Gimignano, Taurasi (Campania) produttore del vino Taurasi, Jesi (marche) produttore del vino verdicchio di Jesi, paesi del vulture (Basilicata) produttori dell’Aglianico del Vulture. I giochi hanno tutti il vino come filo conduttore e pretesto per riscoprire le tradizioni popolari legate all’uva ed al vino. Per rendere ancora più interessante lo spettacolo, i giochi sono realizzati con allestimenti all’aperto stile “giochi senza frontiere”. Le gare sono: “La pigiatura”, “Il grappolo”, “Il travaso”, “Il Palio delle botticelle”.
La delegazione di Taurasi, forte della vittoria riportata nella precedente edizione, attende le altre delegazioni con la cordialità ed ospitalità ormai vanto dei taurasini, ma anche con la voglia di impegnarsi e fare del proprio meglio nelle gare per garantire lo spettacolo ai visitatori.

La manifestazione è iniziata il 29 agosto con il benvenuto alle delegazioni ospiti. Il professor Fernando Selvitella, curatore dell’organizzazione dei giochi e presidente della giuria, ha messo in primo piano l’attenzione alla promozione delle antiche tradizioni vitivinicole, con una rivisitazione goliardica ed accattivante per lo spettatore. Il 31 agosto tutti i visitatori sono invitati per la Festa al Borgo ‘da porta a porta’ ormai giunta alla sua XV edizione, con la sagra del vino, stands enogastronomici e tanto altro ancora.

Per ulteriori informazioni visitate il sito web della manifestazione: www.olimpiadidelvino.com

Programma del 31 Agosto:

Ore 10.00 – Centro Storico di Taurasi – Apertura stands e degustazioni enogastronomiche a cura delle delegazioni presenti.
Ore 15.30 – Sfilata del Corteo Storico e delle squadre.
Ore 16.00 – Apertura delle Olimpiadi del Vino 2008:

Giochi:
-La pigiatura
-Il grappolo
-Il travaso
-Il palio delle botticelle

Al termine cerimonia di premiazione.

Info:
Stefano Casale (Addetto Stampa) 334.63.25.667 – email: stampa@olimpiadidelvino.com

Alessandro Tartaglione

Direttore Responsabile di Campania Slow | Contatto Facebook: http://www.facebook.com/a.tartaglione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.