Le programmazioni dei Parchi regionali, Matese e Taburno verso la stagione turistica

Grande fermento nei Parchi regionali della Campania, tante le iniziative che si stanno mettendo a punto nelle aree che più di tutte possono costituire una meta preferita dai campani e non solo per le proprie vacanze di prossimità in questa estate. Ecco le recenti comunicazioni dal Parco Regionale del Taburno Camposauro e dal Parco Regionale del Matese. 

Taburno

venerdì 26 giugno, alle ore 11, presso il piazzale antistante al “Parco Avventura” in località Camposauro nel Comune di Vitulano si terrà la prima presentazione regionale della legge sulla valorizzazione della sentieristica e della viabilità minore approvata in Consiglio Regionale lo scorso 15 giugno. 

Si tratta di una legge fondamentale per la Campania e anche per l’area protetta del Taburno Camposauro, che nell’ambito degli indirizzi definiti dalla legislazione comunitaria e nazionale disciplina e promuove il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio ambientale del territorio. 

Interverranno: il Sindaco di Vitulano, Raffaele Scarinzi; il Presidente del Parco Regionale Taburno-Camposauro, Costantino Caturano ed il Consigliere regionale e Vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, Erasmo Mortaruolo.

Matese

Il presidente del Parco Regionale del Matese ha incontrato sabato 20 giugno, nella sede di via Figulantina a San Potito Sannitico, i giornalisti per parlare di rilancio del Parco del Matese e di alcune novità in cantiere dopo il blocco forzato delle attività a seguito dell’emergenza Covid.

“La priorità in questi anni è stata ripristinare un rapporto diretto e continuativo con le Associazioni e i sindaci del territorio”. Ha precisato Girfatti, che in merito al nascente Parco Nazionale ha continuato: “Abbiamo stimolato il territorio in modo che ci sia una reale consapevolezza di quello che sarà il Parco Nazionale del Matese. Anche perché entro 18 mesi dall’istituzione dell’Ente bisognerà dotarlo di un piano e di un regolamento. Farci trovare impreparati significherebbe fare un Parco Regionale bis”. E’ prevista per settembre la distribuzione di un opuscolo, un abecedario, -così l’ha definito Girfatti – redatto con i Collegi dei Geometri di Caserta e Beneventoe con l’Università Vanvitelli e del Sannio, che raccoglie tutti i cambiamenti che ci saranno con l’istituzione del Parco Nazionale.

“Da qui a 5 mesi sono tante le iniziative in cantiere, – ha precisato Girfatti – dopo le oltre 40 iniziative fatte, anche con l’aiuto della Consulta del Matese, ci sono delle priorità da realizzare a stretto giro. Un protocollo d’intesa con l’Ordine degli Architetti permetterà la realizzazione di un progetto di massima per un’area parcheggio in prossimità del Lago Matese per regolamentare la sosta selvaggia. E’ stata realizzata una felpa con la scritta “MATESE” che sarà distribuita ai sindaci del territorio ma anche a quanti vorranno averla, recandosi presso la sede dell’Ente Parco e ritirandola in cambio di un contributo volontario che servirà all’acquisto di un cannocchiale da collocare sul belvedere di Miralago. 

Come anticipato qualche giorno fa si sta lavorando al premio “Amici del Parco” che ha lo scopo di “premiare” chi in silenzio, durante il periodo di lockdown, ha lavorato per il territorio. Ho individuato dei testimonial per rilanciare il Parco e la madrina sarà l’attrice potitese Christiane Filangieri, ma ci sarà anche il regista partenopeo Eddy De Angelis, l’attore casertano Marco D’Amore e il maestro caiatino Franco Pepe. Prevista per la fine di luglio l’inaugurazione del Museo del Parco presso la prestigiosa sede di via Figulantina a San Potito Sannitico. Stiamo lavorando con “Campania Ambiente e Servizi” per ripristinare la funzionalità di Miralago e renderlo un prezioso front office per accogliere e informare i turisti. Stiamo lavorando ad una piattaforma di prenotazione per regolamentare le visite nei vari luoghi da visitare del Matese e ci sarà la possibilità di trovare l’elenco delle Guide Ambientali presenti sul territorio ma anche delle varie strutture ricettive”.

“Il Parco è un contenitore di sviluppo e di idee. – Ha concluso Girfatti – Puntiamo ad un’amministrazione condivisa e alla collaborazione tra Enti e Associazioni”. 

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pentole Professionali