Obika’, Mozzarella Bar internazionale, dalle informazioni ai clienti scompare Caserta. Invito a studiare storia e geografia

Molti turisti casertani e non solo, in giro tra Milano e Londra svelano sui social network la propria indignazione per le scorrette informazioni che obikà, brand di mozzarella bar, ubicato anche a New York, Milano, Londra e Tokio, fornisce ai propri clienti circa la storia e i territori di produzione della mozzarella. Come si evince dalle foto che ritraggono la elegante brochure bilingue, sono menzionati tutti i territori della dop con una definizione riguardante le distanze : dall’agro pontino a Paestum, invece Terra di Lavoro, Caserta, Aversa, non sono nemmeno indicati nella cartina geografica. Inoltre vi è un accenno alla Reggia di “Carditiello”, con la i, usando forse una brutta italianizzazione dal nome originale, senza ovviamente citarne la localizzazione geografica.

A chi scrive capitò un paio di anni fa a Londra, in un grande aereoporto, provare il bel servizio ed il buon cibo di Obikà, alla mia indignazione “geografica”, il lavoratore disse che non sapeva nulla e che per lui o mc donald o mozzarella pari erano…mi fece però scrivere su una sorta di libro clienti per le rimostranze (lasciai anche la mail ma non ho mai avuto notizie). Sosteniamo che ogni impresa abbia la libertà di scrivere ciò che vuole sui prodotti che offre una volta assolti gli obblighi di legge, però, visto che campeggia sulle loro brochure il marchio del Consorzio, sarebbe bello che  questo donasse un libro di storia della mozzarella (e il consorzio ha bellissime pubblicazioni)  all’ omissivo management di Obikà e che  gli enti casertani e campani impegnati in fiere e ed eventi in quelle città chiedessero un incontro per capirne i motivi.

Crediamo, inoltre, che omettere verità storiche e “geografiche” non sia una soluzione, non solo in campo agroalimentare, nemmeno per chi ritiene, forse, che la parola Caserta o altre,  siano troppo associate a fenomeni negativi, con la potenzialità di arrecare un nocumento al proprio marchio, infatti non si può nascondere, ad esempio,  che la Nduja sia un prodotto calabrese solo perchè quella regione si segnala spesso per episodi negativi…

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.