Presentate a Mosca e San Pietroburgo le eccellenze agroalimentari campane

Arte, cultura ed eccellenze agroalimentari della Campania esposte a Mosca e San Pietroburgo. Un legame forte che l’arte e la moda al food di qualità della nostra regione, al secondo anno consecutivo Euro Tour porta le imprese italiane ed in particolare della Campania sui mercati della vecchia unione sovietica.

Location di prestigio come la Tsereteli Art Gallery dell’Accademia Russa delle Arti nel cuore antico di Mosca e presso Il Grand Hotel Europe, in uno degli edifici storici di San Pietroburgo, dove presentare le produzioni di eccellenza dell’enogastronomia della Campania ad una platea di operatori qualificati e selezionati dalle istituzioni italiane estere.

Dopo il successo dello scorso anno, Euro Tour conferma le tappe programmate, d’intesa con la Regione Campania, dalla collaborazione della Gourmet’s International con la Misteryapple Communication di Dante Stefano Del Vecchio, Camere di Commercio estere ed Ice. Dodici imprese campane tra vino, tartufo, olio extra vergine di oliva hanno presentato le loro produzioni ad un pubblico di operatori della ristorazione e della distribuzione, tra cui il maggiore dei distributori del mondo del vino come Alianta Group di Armen Grishkyan.

E per celebrare le eccellenze gastronomiche preparate ed offerte straordinarie degustazioni prelibate della chef di Taverna del Capitano Grazia Casa, madre dello stellato Alfonso Caputo di Nerano, piatti di gran gusto che hanno attratto i moscoviti che hanno affollato la galleria di arte moderna. All’evento è intervenuto il Vice Ambasciatore di Mosca e primo Consigliere Commerciale Marco Ricci.

“Il nostro food oramai viene considerato come un prodotto di moda, di lusso ed apprezzato e ricercato dagli operatori. Ciò consente ai nostri imprenditori di poter meglio presentare il valore dei prodotti e il territorio di provenienza” –commenta Dante Stefano Del Vecchio-, che ha realizzato il programma e coordinato per la Campania la partecipazione delle imprese.

“La crescita sui mercati esteri della Campania, prima regione per l’export agroalimentare per il 2009- continua Del Vecchio-, conferma la qualità dei prodotti delle imprese campane e grazie anche alla regione Campania che ha sostenuto questo nuovo format di promozione e valorizzazione dei prodotti enogastronomici, che i risultati sono arrivati nonostante tanti territori/competitor.

Un primato importante per l’economia della Campania, un riconoscimento per le centinaia di piccole e medie imprese agricole ed artigianali che da anni hanno puntato sulla qualità e che, con servizi di sostegno mirati e qualificati, possono competere sui mercati esteri più difficili come Stati Uniti, Giappone, Germania, Inghilterra, Francia e Spagna.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.