Sab. Apr 20th, 2024

Di  Carlo Scatozza

Il mio ricordo anche di un evento che li vide insieme

Sono scomparsi lo stesso giorno, sabato scorso, Fabrizio Mangoni e Antonio Lucisano, il primo  architetto e docente di fama, il secondo manager di valore nel mondo del food, da ultimo alla guida del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana dop dove trovò una condizione da far accapponare la pelle. Ma soprattutto, almeno per me e per tanti del circuito del giornalismo enogastronomico della Campania, i due professionisti sono stati una importante opportunità di apprendimento. Antonio Lucisano ho avuto modo di frequentarlo soprattutto nell’età della sua pensione,  grazie alla sua attività di giornalista per una testata di settore ed in questa veste, sempre originale e teso all’approfondimento,  abbiamo potuto reincontrarci più volte. E’ stata una di quelle persone che quando si incontrano realizzi che hai imparato un qualcosa di nuovo,  oppure hai potuto scorgere un argomento da un’ angolazione che ti era sfuggita. Lo ricordo in un convegno da me moderato  alla Fiera  Gustus due anni fa essere presente  da spettatore,  proprio sulla formazione in ambito  Mozzarella dop, settore che amava,  ma nel quale non smetteva di indagare  con occhio critico per proporre miglioramenti e strade nuove. Mi avvicinai appena finito per cogliere subito il suo punto di vista. Alcune volte sono stato d’accordo, altre no, ma l’ interlocuzione con lui, anche sui social, l’ho sempre considerata un privilegio. Ed è  stata sempre proficua per la mia persona.

Di Fabrizio Mangoni, che conoscevo come autore televisivo nel food, posso solo dire che ogni volta che l’ho ascoltato ho assunto una indimenticabile narrazione di aspetti culturali del cibo in Campania, le sue innumerevoli vicissitudini culturali e intersecanti con settori solo apparentemente lontani: vale, ad esempio  per la Spring  school a Castellabate “ Racconto come strumento di promozione e valorizzazione delle nostre eccellenze e dei territori da cui provengono“. Si svolse l’ anno prima dell’ Expo 2015,  grazie all’iniziativa di Gianfranco Nappi. A sera, In una taverna del posto, dopo una lectio importante nell’aula del castello su “Antropologia del gusto mediterraneo e sue narrazioni “, con sullo sfondo l’atmosfera da   Cunto de li cunti, si cimentò in un racconto -spettacolo con il maestro pasticciere napoletano, suo grande amico,  Ciro Scarpato sulla storia del Babà, dalla Polonia a Napoli. La mia bocca aperta non servì solo per cibarsi della preparazione del Maestro Scarpato, ma realizzai la complessità ma anche la bellezza, dopo lo studio necessario e vasto, della narrazione e della divulgazione della nostra cultura del cibo. Non banale  identità da pupazzo come viene sbandierata da troppi oggi, non clava verso altre identità da escludere, ma bellezza della esegesi delle mescolanze che, a Napoli molto più altrove, hanno plasmato  secolo dopo secolo, attraverso usanza sommata ad altra usanza,  il gusto e  la bellezza e l’affermazione delle tendenze  più popolari sulle nostre tavole  nei secoli, donandoci oggi un unicum  rispetto al quale,   chi ha intelligenza e volontà  ha il dovere del colto storytelling, non solo per il diletto, ma per dotare di attrezzi utili il buon futuro della nostra Terra, fuori dalla sguaiatezza dei click indotti, fuori dalle classifiche, oltre le foto ben fatte e costruite dei food blogger di successo.. Un’altra volta lo incrociai in un bellissimo evento ( Dolce Natale ) della Scabec che aveva ideato  in un Natale di qualche anno fa, portava la cultura del dolce napoletano della devozione natalizia in una narrazione all’interno di luoghi di cultura come le basiliche paleocristiane di Cimitile o il Belvedere di San Leucio. A Caserta, dopo aver visto un  mio articolo sul Susamiello mutuato da un suo precedente evento  mi disse: _ mò sei venuto a scrivere sui Mustacciuoli immagino? Io risposi no prof, per prima cosa sono venuto a sentirla.

Come dimenticare poi alcuni eventi degli anni 2014-2016: ” Come il Maggio sui Maccheroni a Napoli” e una cena evento a Caserta, davvero indimenticabile, sul libro I Napoletani da Mangiafoglie a Mangiamaccheroni. 

Ed in questo evento erano insieme, Lucisano e Mangoni, li portammo noi, io e Generoso Paolella con Campaniaslow, in una serata bellissima da Nuzio Bugetto. I Livelli altissimi e brillanti della discussione non sono dimenticati, penso ai contributi sulle radici arabe della nostra cucina davvero da brividi. Facebook restituisce ricordi e foto, le condivido qua in questo articolo che li ha voluti ricordare. 

Incontri di tempi ben spesi e che spesso racconto a chi oggi vuol ascoltarmi,  ad un tavolo di una pizzeria, ad una conviviale, ad una cena fra amici. Insomma anche vantarsi di avervi ascoltato, di aver parlato con voi e aver appreso qualcosa, anche se in poche occasioni: Grazie.

 

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.