Mer. Lug 24th, 2024

Nel pomeriggio anche una bella carta stradale artistica, MAPPIA!

Arriva un numero di Topolino tutto dedicato alla Capua antica lungo la Via Appia ed accade nell’ambito delle attività di promozione della candidatura della “Via Appia. Regina viarum” per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio mondiale, è in corso una collaborazione tra il Ministero della Cultura, con il Servizio II – Ufficio UNESCO del Segretariato generale e la casa editrice Panini, che prevede la pubblicazione di una storia a fumetti in 5 episodi “Topolino e la via della storia”, un viaggio nel tempo e nello spazio lungo la via Appia Antica in compagnia di Topolino e i suoi amici, scritta dallo sceneggiatore Francesco Artibani e disegnata da Alessandro Perina.

Dopo l’uscita del primo numero dedicato al primo tratto della Via Appia, mercoledì 24 maggio sarà la volta dell’antica Capua e del suo Anfiteatro con l’uscita del secondo numero e, per l’occasione, la  Direzione regionale Musei Campania e il Comune di Santa Maria Capua Vetere promuovono tre eventi nella giornata di martedì 23 maggio.

Si comincia alle ore 10.00, con il laboratorio “Topolino e la Via della Storia”, presso la sala consiliare del Comune di Santa Maria Capua Vetere, che sarà tenuto da artisti della Panini Disney, il disegnatore Marco Palazzi e lo sceneggiatore Francesco Artibani. Il laboratorio è rivolto alle classi della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Alessio Simmaco Mazzocchi  – Plesso di Sant’Erasmo, già impegnati in attività didattiche con il Museo archeologico dell’antica Capua nel progetto “Horticultura. I bambini coltivano il museo, spazi verdi educativi nei siti MIC”.

Dopo il laboratorio i bambini raggiungeranno l’Anfiteatro campano nei pressi dell’antica Via Appia, dove saranno accompagnati in visita dall’archeologa Ilaria Barca de “Le Nuvole”, che illustrerà il monumento e racconterà i suoi legami con la storia della Regina Viarum. Tutti i visitatori potranno, invece, partecipare alle visite guidate a cura del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”.

Nel pomeriggio la giornata dedicata alla scoperta della Via Appia continuerà alle 16.00 al Museo archeologico dell’antica Capua, con l’esposizione dell’opera d’arte “Mappia” dell’artista e cartografo Roberto Paci Dalò.

Nell’opera, una mappa lunga oltre 9 metri in formato di leporello, ispirata alla Tabula Peutingeriana, copia medievale di un’antica “carta stradale” romana, appaiono stilizzati i tracciati dell’Appia Claudia e della Traiana, associati a una serie di luoghi, architetture, accadimenti storici e artistici raffigurati tramite il disegno. L’artista ha unito, così, le pratiche dello scriba e del miniaturista medievale, in un viaggio lungo la Via Appia che mette in evidenza i momenti salienti e i personaggi apparsi nell’arco di ventitré secoli fino ai giorni nostri, mostrando tutta la vitalità e la straordinarietà della Regina Viarum.

L’opera accompagna la candidatura, fortemente voluta dal Ministero della Cultura, della Via Appia nella lista del patrimonio mondiale UNESCO, insieme a un documentario realizzato appositamente dalla RAI, che sarà mostrato in anteprima al Museo archeologico dell’antica Capua nelle sue versioni in italiano e in inglese.

Al termine della presentazione sarà possibile visitare la mostra “I Segni del Paesaggio: l’Appia e Capua”, organizzata nell’ambito del progetto “I Segni del Paesaggio: la via Appia e i Castelli della Campania”, POC Campania – Programma di Azione e Coesione – Piano Operativo Complementare 2014-2020”. La mostra, che si avvale della collaborazione della Regione Campania, del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università della Campania “L. Vanvitelli” e della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, oltre che di esperti del settore, illustra il percorso dell’Appia nella città romana di Capua, legandolo agli altri luoghi della cultura della Campania attraversati dalla consolare, con un progetto di musealizzazione dinamico, sotto il segno dell’Appia, definita “Regina Viarum” dal poeta latino Publio Papinio Stazio. Un segno forte e ancora incisivo, filo conduttore di un percorso per ri-conoscere il territorio campano come museo diffuso e il sistema dei musei come via privilegiata.

Parteciperanno all’evento: Marta Ragozzino – Direttore regionale Musei Campania, Angela Maria Ferroni e Laura Acampora  – Segretariato Generale MiC (Servizio II – Ufficio UNESCO), Gennaro Leva  – Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, Antonio Mirra  – Sindaco di Santa Maria Capua Vetere, Stefania Gigli, Giuseppe Ceraudo, Alfonso Santoriello  – componenti del Comitato scientifico per la candidatura della “Via Appia. Regina Viarum”, e Roberto Paci Dalò  – autore di “Mappia”.

Info

Museo archeologico dell’antica Capua e Mitreo – Via Roberto d’Angiò, 44 – Santa Maria Capua Vetere (CE)

Anfiteatro Campano – Piazza I Ottobre 1860, 36 – Santa Maria Capua Vetere (CE)

+39 0823 844206 | drm-cam.museoanticacapua@cultura.gov.it

Biglietteria: +39 0823 1831093

museicampania.cultura.gov.it

facebook.com/anticacapuamuseo | instagram.com/drmcam.museoanticacapua | twitter.com/museosmcv

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.