Mar. Apr 23rd, 2024

La Bufala Campana Dop si presenta a colazione al Tuttofood di Milano, la fiera internazionale dell’agroalimentare in programma dall’8 all’11 maggio. Con un menu dedicato alle tendenze del breakfast, il Consorzio di Tutela punta a favorire nuove occasioni di consumo, grazie alla versatilità in cucina della mozzarella di bufala campana Dop, confermata dai dati forniti dall’Osservatorio economico sulla filiera, curato da Nomisma. Secondo lo studio, 9 italiani su 10 hanno consumato mozzarella di bufala nell’ultimo anno, il 25 per cento almeno una volta a settimana e il 20 per cento è pronto a farlo anche a colazione.

All’interno del Padiglione 4P, stand L07/M10, ogni giorno sarà lo chef Giuseppe Daddio della scuola di cucina “Dolce&Salato” di Maddaloni, a interpretare la Bufala a colazione, utilizzando anche la ricotta di bufala campana Dop. Tra le creazioni che saranno preparate nelle giornate di Tuttofood spiccano uno speciale pancake con mozzarella di bufala campana Dop e un migliaccio di pasta di Gragnano Igp con ricotta di bufala campana Dop e caramello salato al latte di bufala. E ancora spazio ai sapori mediterranei con la fresella realizzata con Bufala Dop e croccante di pasta di Gragnano Igp.

A Tuttofood si conferma dunque anche la sinergia tra il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop e il Consorzio di Tutela Pasta di Gragnano Igp, con cui sarà condiviso lo spazio espositivo, oltre a una serie di iniziative.

Inoltre, nella giornata del 10 maggio, è in programma anche la celebrazione dei 30 anni dal riconoscimento della denominazione, con l’evento “Buon compleanno Bufala Campana!”, durante il quale amici e mozzarella-lovers festeggeranno la ricorrenza.

La mozzarella di bufala Dop è un prodotto moderno che va incontro alle esigenze dei consumatori, ai gusti che cambiano, alla ricerca di stili di vita sani – dichiara il presidente del Consorzio, Domenico RaimondoPer questo la proporremo sin dalla colazione, riflettendo sulle caratteristiche di un formaggio che rientra pienamente nel paniere della dieta mediterranea, patrimonio dell’Unesco. E lo faremo non a caso a Tuttofood, che con la sua dimensione internazionale ben si presta ad ampliare visioni e orizzonti delle eccellenze del Made in Italy agroalimentare”.

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.