Mer. Feb 21st, 2024

“Il vero grande fritto napoletano torna a casa da Osteria Partenope.” L’Osteria Partenope di Via Cimarosa 56 al Vomero riporta a tavola la tradizione dedicando, a partire dal 20 aprile, la serata del giovedì ad un grande classico della gastronomia napoletana, la pizza fritta. Osteria Partenope è il ristorante nato da un’idea di Fabio Messina, chef e sommelier, vomerese doc e legato a doppio filo alla tradizione culinaria di Napoli e del suo quartiere in particolar modo. Il locale si caratterizza per una cucina concreta, che ha sempre strizzato l’occhio al mare, ma che non ha mai rinnegato le origini. E a proposito di origini, chi non ricorda la grande tradizione del fritto al Vomero? Intere generazioni di Napoletani hanno trascorso indimenticabili pomeriggi in Piazza Fuga, luogo di incontro, soprattutto per i giovani del quartiere, il cui cuore pulsante è sempre stato impersonato dalla famiglia Acunzo e dal suo “streetfood”.
Gli Acunzo rappresentano da decenni un punto fermo per il quartiere collinare. Ed è proprio la famiglia Acunzo, con mamma Filomena e zio Antonio che torna protagonista nel ristorante di Fabio. A partire da giovedi 20 aprile, e per tutti i giovedì a seguire, l’appuntamento sarà, nei locali di Osteria Partenope, con la pizza fritta realizzata personalmente dalla mamma del padrone di casa, Filomena Acunzo, già giudice nell’edizione 2013 di MasterChef e dallo zio Antonio Acunzo. Si partirà con le classiche versioni più care ai napoletani, ripiena e montanara classica con pomodoro, ma sinstudia per mettere a punto abbinamenti con topping studiati appositamente da Fabio.
Le novità di Osteria Partenope non si fermano qui. In contemporanea con l’appuntamento del giovedì, verranno reintrodotti nel menù del ristorante 3 piatti legati alla cultura popolare della città. I clienti potranno degustare la genovese, la pasta e patate con provola e i mezzanelli lardiati realizzati con lardo di Bellota iberico, che rilascia al classico sugo della tradizione napoletana un sapore molto più particolare. “È arrivato il momento di tornare alla tradizione vera e verace che ha sempre caratterizzato la nostra città e che negli ultimi 10 anni è stata svilita dalla eccessiva spettacolarizzazione di usi e costumi che non ci appartengono realmente” dichiara il titolare “ed è giusto che nel cuore del Vomero si torni a parlare un linguaggio a noi caro e che potrebbe rappresentare l’inizio di una svolta che si rende ormai necessaria”.

Appuntamento quindi al 20 aprile, alle ore 20:30, per la serata lancio in occasione  della quale lo chef resident introdurrà ai presenti le novità.

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.