Regione ribadisce: in Asporto i gestori NON sono responsabili di assembramenti fuori i locali

Vero, ci sono troppi assembramenti fuori i locali per l’asporto, ma non è certo possibile per i gestori mettersi a fare i poliziotti… loro possono e devono controllare i loro lavoratori, non far entrare nel locale nessuno altro e consegnare ad esterno, molti hanno fatto anche guide sui marciapiedi, ma altro non si può fare. Interviene in queste ore anche la Regione Campania a chiarirlo, anche perché alcuni comuni come Aversa hanno limitato fortemente asporto non riuscendo a gestire assembramenti: Recitano gli aggiornamenti testuali dell’Unità di Crisi del 10 maggio: In merito al commercio da Asporto, si ribadisce che la responsabilità del titolare dell’esercizio riguarda solo i dipendenti dei locali e addetti al trasporto, ma non può riguardare eventuali assembramenti sulla strada fuori dai negozi, la cui vigilanza spetta alle forze dell’ordine.

Aggiungiamo che i clienti devono sapere che dentro ci sono lavoratori che stanno lavorando per loro e non è bello vedere che alcuni non rispettano la distanza di un metro e non si porta la mascherina fuori il locale.Tutto questo crea anche paura in chi è ligio alle prescrizioni.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.