Successo per il primo Canapa day a Caivano, entusiasmo per una filiera in crescita

Gran bel successo della prima edizione di Canapa day, evento organizzato dalla Cooperativa Canapa Campana presso la propria sede in Caivano alla via Clanio il 20 Giugno 2017. “Abbiamo voluto mettere insieme tutti i protagonisti del mondo Canapa- afferma Ciccio Mugione responsabile produzione Canapa Campana-il nostro obiettivo in questo momento è fare rete e costruire economia sul Mondo Canapa. Alla fine dell’anno scorso sia il Parlamento che il Consiglio Regionale si sono dotati di una legge che rende più semplice poter coltivare e costruire reti e progetti. Oggi da noi c’erano tutti gli interlocutori sia economici che sociali che istituzionale necessari a costruire una filiera vivifica di risultati e di occupazione.” Presente il Consigliere Regionale Gennaro Oliviero, relatore della Legge Regionale sulla Canapa, docenti del Dipartimento di Agraria e di Farmacia della Federico II, le associazioni sindacali di produttori, diversi imprenditori agricoli e del settore edile ed industriale interessati alla conversione con prodotti naturali dei manufatti. L’Istituto Alberghiero di Caivano sito nel Parco Verde e portatore di una straordinaria cultura del fare è stato partner della manifestazione. Ospite d’onore il maestro Beppe Vessicchio, storico direttore d’orchestra del Festival di Sanremo che insieme all’azienda vitivinicola Giorgi wines hanno fatto degustare il Crudoo pinot nero spumantizzato (servito in un cocktail con fiori di canapa) e successivamente affinato con sollecitazioni evolutive dovute a specifiche frequenze e musica armonico-naturale. Le stesse tecniche sono state sperimentate con l’olio di semi di canapa e il risultato è stato sorprendente. Sono stati presenti: il maestro pizzaiolo Gianfranco Iervolino della Pizzeria Morsi&Rismorsi di Aversa che ci ha deliziato con una montanarina fritta stracciatella di bufala e genovese, la pizzeria New Old Village di Succivo, la cooperativa Siani con il miele ai semi di canapa , Petrone con il suo Casatiello con farina e olio di Canapa, White Three con la loro splendida birra alla Canapa, Macelleria Vegetariana con hamburger di Canapa e poi tutti i prodotti della cooperativa Canapa Campana

Abbiamo registrato un grande entusiasmo stamane, corroborato da un mercato curioso ed attento, con consumatori non solo più di nicchia ma sono tanti ormai che scelgono, ad esempio, nella loro dieta,  l‘olio di semi di canapa , ricchissimo di Omega 6 e Omega 3, un vero e proprio vaccino nutrizionale raccomandato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità. Pregevoli le creazioni in cucina, con la farina di Canapa, infatti, la ristorazione che vuole suggerire innovazioni trova grandi spunti senza rinunciare,anzi esaltando la tradizione. E’ possibile avere una pizza tradizionale ma con un gusto molto gradevole, per non parlare dei mille modi con cui fare la pasta. Non solo agroalimentare comunque nella giornata caivanese; bellissima la cupola delle di artMutari, un’eccellente arredo da giardino.La filiera canapa in Campania già dà molte soddisfazioni a operatori coraggiosi come i F.lli Mugione che, con una grandissima e consolidata tradizione nell’ortofrutta, hanno voluto ampliare i confini della loro esperienza imprenditoriale. Oltre 50 gli imprenditori della Canapa in Campania, e c’è da scommettere che sarà sempre di più un volano economico foriero di occupazione, recupero della terra e delle tradizione, con la bussola della sostenibilità ambientale e del mangiare sano.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.