il 15 giugno apertura straordinaria della Reggia di Carditello, la Fattoria Modello dei Borbone

real_sitocarditelloIl 15 giugno il Real Sito di Carditello, presso il Comune di San Tammaro (Ce) restera’ aperto straordinariamente dalle 10.00 alle 14.00, grazie alle autorizzazioni del Tribunale di Santa Maria C.V. (Ce), il sito borbonico, che giace nell’incuria ed è messo all’asta, ha ricevuto, la scorsa settimana la visita dell’illustre  storico dell’arte Philippe Daverio e celebra, sabato, una delle sue aperture periodiche che mirano a sensibilizzare la cittadinanza e gli stakeholders sulle tematiche legate alla futura proprietà, al restauro ed alla fruizione. Nell’orario delle aperture i visitatori potranno accedere gratuitamente alla real tenuta. Saranno  i volontari delle associazioni  del gruppo di Agenda 21 ad accogliere i visitatori. Le visite guidate partiranno per gruppi e sara’ possibile visitare
i capannoni dell’ala destra (le scuderie e la sala monta), nella sala a sinistra è allestita la Mostra di Riproduzioni Cartografiche ” La fondazione di Carditello: da Feudo a Sito Reale ” a cura di Pianeta Cultura. 
Nella  sala destra si allestira’ la mostra dei pannelli del Grande Progetto dei Regi Lagni – Giardino D’Europa
successivamente la parte esterna, il cortile, gli androni e infine la cappella palatina. Non sono accessibili gli appartamenti del primo piano per motivi di sicurezza.

La Reggia di Carditello è una delle 22 reali delizie dell’epoca borbonica,  e questo sito, per volere di Ferdinando IV  divenne una  fattoria modello per la coltivazione del grano e per l’allevamento di razze pregiate di bovini e cavalli ( qui era il luogo d’elezione del cavallo napoletano). Era immerso in una vasta tenuta ricca di boschi, pascoli e terreni per la coltivazione. Oltre che per le attività agricole era utilizzata anche come luogo di svago, in modo particolare per l’attività venatoria, nei suoi boschi, praticata da Re Ferdinando.

come arrivare a Carditello

_DA NAPOLI
autostrada A1 – direzione Roma, uscita Nola interporto – direzione Villa Literno-. Proseguire per circa 8 km e uscire a Carinaro zona industriale. Immettersi sulla SS 7 bis in direzione Capua. Arrivare, dopo 5 km circa, a San Tammaro, svoltare a sinistra (sulla destra della statale come riferimento Chiesa Parrocchiale con cupola maiolicata gialla e verde ) via per Carditello. Proseguire attraversando il cavalcavia dell’Alta Velocita’.

_DA ROMA
Autostrada A1 – uscita Capua. Immettersi sulla SS 7 Appia e proseguirla attraversando il centro urbano di Capua. Attraversare il ponte sul Volturno e proseguire fino al bivio; mantenersi sulla destra imboccando la SS 7 bis Appia e superare il cavalcavia. Dopo appena 3 km arriverete nel comune di San Tammaro dove a sinistra avrete la chiesa parrocchiale con cupola maiolicata gialla e verde. Svoltare a destra (proprio di fronte alla chiesa) via per Carditello. Proseguire attraversando il cavalcavia dell’Alta Velocita’.
Per chi arriva in auto il parcheggio è esterno alla struttura, lungo le strade adiacenti, preferibilmente nella parte destra della Reggia.

per info:
333 7847542
333 8697116
333 4234440

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.