Sab. Giu 22nd, 2024

È stata presentata all’Open Colonna Palazzo delle Esposizioni in occasione dell’evento Cooking for Art organizzato da Witaly, la nona edizione di “ViniBuoni d’Italia”, la guida Touring dedicata ai vini da vitigni autoctoni curata da Mario Busso e Luigi Cremona.

Quest’anno il volume registra un’importante novità, con la nuova sezione dedicata alle cento migliori aziende spumantistiche italiane che producono con metodo classico, selezionate da una commissione appositamente istituita dall’Onav.

La guida sarà poi utilizzata all’interno dei corsi e delle iniziative che l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino organizza per far conoscere l’importanza e il piacere dell’arte dell’assaggio.

L’edizione 2012 è idealmente dedicata a Francesco Arrigoni, la cui figura di enologo e gastronomo rigoroso e puro emerge da un sentito intervento di Gianni Mura.

La guida è unica per molti aspetti: è la sola dedicata ai vini da vitigni autoctoni e si basa su un processo di selezione eccezionale per impegno e per trasparenza, che quest’anno ha portato a recensire in guida 4.500 vini.

Di questi:

  • 278 hanno ottenuto la Corona (massimo riconoscimento per i vini top dell’eccellenza, scelti con voto palese di maggioranza nella sessione finale di degustazione a commissioni riunite su scala nazionale.). La Toscana la regione più premiata con 37, seguita dal Piemonte con 36 (V. sotto l’elenco regione per regione).
  • 230 hanno conseguito la Golden Star (secondo massimo riconoscimento per i vini che hanno espresso eleganza, finezza, equilibrio, qualità e precisa espressione del varietale e del territorio).
  • 296 sono stati definiti “da non perdere” (vini di particolare pregio che le commissioni regionali hanno voluto mettere in risalto, dedicando loro un’apposita sezione della Guida).

Ispirata alla tradizione enologica italiana e volta a valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità, la guida ViniBuoni dà un segnale preciso ai consumatori e al mercato (italiano ed estero), che apprezza sempre più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo che gli autoctoni esprimono.

I temi forti dell’edizione 2012 sono stati: Il rapporto vino – cibo – territorio e Il bere consapevole. I curatori hanno voluto, inoltre, creare il Premio Ecofriendly, destinato a chi opera nel mondo del vino coniugando innovazione e sviluppo sostenibile.

In questa prima edizione se lo sono aggiudicato sette aziende, il Premio è realizzato in collaborazione con Verallia, azienda leader nella produzione di bottiglie e vasi in vetro per alimenti, particolarmente attenta ai temi dell’ambiente e della sostenibilità.

“ViniBuoni d’Italia” 2012 di Touring Editore costa 22,00 Euro.

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.