IX edizione Incontro “Sulle Rotte dell’Arte e del Gusto Regionale”

La presenza di tanti istituti alberghieri italiani, note aziende, giornalisti ed ospiti che il preside Mario Giorgio Lombardi è riuscito a riunire per la IX edizione dell’Incontro nazionale “Sulle Rotte dell’Arte e del Gusto Regionale” ed alla stessa edizione del Confronto nazionale “I Giovani alla ribalta in cucina e al bar” ci spinge a citarli per far conoscere i nomi di chi ha raccolto questo invito e porli all’attenzione di quanti vorranno nelle prossime occasioni seguire questo esempio. L’obiettivo di Lombardi, di creare una iniziativa che sia un appuntamento obbligato per coloro che aspirano a crescere e migliorarsi, con l’intento di rendere il nostro prodotto turistico e della ristorazione più appetibile ad un consumatore europeo sempre più esigente, ha risposto perfettamente. Sono così emerse le aspettative che tendono a fare del turismo la primaria fonte di interesse per le presenze che attraverso questo settore primario dell’economia nazionale può e deve essere sempre più alla ribalta attraverso le nostre eccellenze di settore.

La kermesse è stata realizzata con una tre giorni a Paestum, organizzata dal Centro Studi Chianciano “G: Sanchini”, di cui Lombardi è Direttore generale, e dall'”Accademia italiana Gastronomia Storica”, della quale Lombardi è Governatore Generale, dal Comitato Giovani Albergatori e Ristoratori toscani e campani in collaborazione con le Istituzioni Economico Turistiche locali, il comitato produttori caseari e carni bufaline cilentane ed il patrocinio del Comune della Città di Capaccio-Paestum , dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Paestum Italia a Tavola. Ricco il programma di gare, master e riprese televisive che Lombardi, come per le precedenti edizioni, ha realizzato con la passione che nutre per Chianciano, dove vive da sempre, e Paestum, avendo un grande amore per la Campania dove ha trascorso i suoi anni di gioventù fino a frequentare l’università Federico II di Napoli e che da tempo ha gemellato con la cittadina toscana attraverso due annuali eventi. Dopo un’accoglienza degli ospiti con una cena di benvenuto offerta dall’Hotel Schuhmann, dove l’azienda “Menù Srl” con la presenza del direttore vendite Salvatore Varriale e dei suoi collaboratori si è imposta all’attenzione del pubblico con le sue squisite bruschette con tante farciture, accompagnate dai flûte di spumante della “Montù vini e spumanti” come aperitivo, è seguita la degustazione degli ottimi piatti cilentani a base di “Riso Ecorì” eccezionale per naturalezza e sapore. Il plauso dei commensali è giunto per tutti i piatti presentati dallo chef della struttura ospitante l’evento ma in particolare per una frittura di ottimo pesce offerto dalla pescheria Anna a Capaccio di Liberato Serrapede che, cotto in modo egregio, ha permesso di gustare i sapori del mare e della sua freschezza. La giornata centrale della manifestazione cilentana è iniziata con una gara di caffè espresso coordinata da Gabriele Borri, braccio destro di Lombardi e Roberto Ludovichi, che è stata presentata da Aldo Dell’Edera e Anna Di Sandro ed ha messo in gara gli alunni degli Ipssar nazionali presenti per la conquista del trofeo messo in palio dalla “Scuola Caffè Espresso”. Sono seguite nella mattinata le gare del “Challenge cup città di Capaccio -Paestum” e lo “Snack Marsala Lemon drink 2009” con presentazione di piatti elaborati dagli alunni degli alberghieri ed affiancati da altri alunni Ipssar per la preparazione di cocktail con la presenza delle tante aziende che hanno offerto i trofei per i vincitori: il consorzio del “Parmigiano Reggiano”, l’azienda Montana, la Ecorì, la Fiskars di Paderno le ceramiche “Ceramiche atristiche Vietresi Adriano”, il “Consorzio Vino Marsala”, “Sara Carmignani – l’Impero” abbigliamento professionale Arte e Mestieri, l'”Azienda agricola Barlotti – La Bufalara” e “Consorzio Al.Ba”.

Il momento centrale di questa giornata clou dell’evento ha visto la partecipazione dei “Ristoratori dell’Etruria centrale senese aretina” al pranzo da loro elaborato ed offerto nelle accoglienti sale di uno dei più belli ed eleganti alberghi il “Mec hotel Paestum” di Pasquale e Luigi Acanfora che, come di consueto, ha ospitato l’intera kermesse. Un pomeriggio all’insegna di master sulla corretta ed idonea utilizzazione dei coltelli condotta dallo stesso titolare della “Fiskars di Paderno”. E’ successivamente, seguita da riprese tv per “New idea comunication” condotte da Susanna Cutini e Alex Revelli Sorini (tipo La prova del cuoco trasmissione di Rai Uno della quale è coautore), si è svolta la gara tra tre giovani cuochi con diversi temi, per i quali è risultato vincitore Ciro Parisi, titolare del ristorante”L’Arte del Gusto” a Palma Campania. Gli interessanti momenti pomeridiani hanno fatto da preludio alla cena di gala dove si è potuta gustare l’ottima cucina elaborata da Gerardo Novi, chef del Mec. Durante la cena si sono svolte tante premiazioni. Fra i quindici italiani che hanno ricevuto l’investitura del collare con l’abito, il diploma e la nomina di Ambasciatore dell’Arte del Gusto, dell’Accademia Italiana Gastronomia Storica, consegnati da Lombardi e Ciro Polliere, console dell’Accademia per il Sud Italia, ci sono anche l’esperto giornalista di settore, il campano Giuseppe De Girolamo, al quale è stata conferita la carica con la motivazione: “Promotore della prosperità, nell’informazione, nella cultura, nell’ospitalità e nell’enogastronomia Italiana legata al territorio e alle sue eccellenze” e Valeria Marrano di Rai Uno – Redazione “La Prova del cuoco”.

Il premio giornalistico Apicio-Aigs 2009 (organo informazione) a “Tv Uno notizie.it” e premio giornalistico Apicio-Aigs 2009 (giornalista) ad Alberto Lupini, Direttore responsabile di “Italia a Tavola”. Premiati anche gli alunni degli Ipssar convenuti e “soprattutto” questi, come afferma Giuseppe Di Napoli, primo fiduciario dell’Amira per la nostra regione, valutando la mirabile iniziativa di Lombardi prodigo, oltre gli anni di educandato offerto negli Ipssar, ancor oggi con un impegno encomiabile per la preparazione dei giovani alla conquista del successo. C’erano gli Ipssar di Benevento, Pagani, Sant’Arsenio SA, Grosseto, S. Marco di Castellabate, Giulianova, Rende CS, Rieti, Altamura BA, Vico Equense, Randazzo CT e Castelnuovo Cilento. Antonio Primiceri, presidente dell’Associazione pizzaioli e similari e direttore dell’organo ufficiale del sodalizio Apes “Pizza Press”, come d’abitudine nell’ultimo giorno della manifestazione ha messo a confronto di abilità i giornalisti presenti per elaborare una loro creativa pizza e gli alunni degli Ipssar nel preparare bruschette di loro invenzione. Gli alunni sono stati tutti premiati pari merito mentre per i giornalisti si sono classificati nelle prime due posizioni Vera De Luca e Harry Di Prisco.

Alessandro Tartaglione

Direttore Responsabile di Campania Slow | Contatto Facebook: http://www.facebook.com/a.tartaglione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.