-->

Pasticceria Contemporanea, il dolce viaggio nei sapori al centro di Caserta

Inviato il 20 Marzo 2019 di Carlo Scatozza

Marco Merola

Un viaggio nei sapori e nei colori della pasticceria dell’oggi è quello che offre già nel nome Pasticceria Contemporanea a Caserta. Nel centralissimo Corso Trieste apre un luogo in cui la creatività e l’arte pasticciera di Marco Merola, giovane ma già affermato  Chef patissier, trova albergo per deliziare i palati di Terra di Lavoro ma anche dei tanti turisti della città della Reggia, ubicata a poche centinaia di metri.

Pieno centro città ma locale  riservato all’interno del Parco del Corso, con open space  al riparo da traffico e rumori, per gustare con la dovuta calma e tempo, il  piacere di molteplici creazioni direttamente dall’annesso laboratorio, utilizzato da Marco anche per i numerosi corsi di formazione per discenti da ogni parte della Campania, nonchè meta di puntate di celebri chef stellati e grandi pasticcieri come Sabatino Sirica.

Marco nasce con la scuola di cucina Icookyou e da li porta  tanta innovazione ma  con spazio alle paste della tradizione, rifuggendo però dalla omologazioni delle basi che standardizzano troppe volte  il dolce di pasticceria di largo consumo. La contemporaneità vive anche con l’arte, infatti alle pareti fanno bella mostra i quadretti di arte contemporanea del celebre artista Bruno Donzelli

Vetrina Pasticceria Contemporanea 

Con Pasticceria Contemporanea Marco porta dentro  tutto il bagaglio accumulato nella esperienza di una vita, perseguendo una filosofia con il costante utilizzo di burro senza grassi idrogenati, un’ occhio alle nuove intolleranze e cura degli impasti di solito senza glutine, c’è molto  anche  per appagare  tendenze veg .

A Pasticceria Contemporanea si veste in contemporaneo la tradizione con i gusti della Campania   ma con una immagine moderna, ne sono l’esempio la rielaborazione dello choux ed i prodotti dop da ritrovare nel palato, dal cornetto alle creazioni più elaborate con grande importanza alla elevata digeribilità. 

Tartufo nero 

Abbiamo gradevolmente degustato, tra mille colori,  il Foresta Nera, con  mousse al cioccolato e  gelatine  di amarena, il  Camouflage, sapori di Costiera, e quindi  mandorle, limone, vaniglia, spettacolare e consigliatissimo il  Tartufo Nero, con  scorzone nero, cremoso  di tartufo, gelatina di ribes nero,  ricoperto di ganache di fava tonka, molto fresche la  Clementina al mandarino e  la sua versione  di delizia al limone in cui ci sono anche limoni canditi. 

Marco proporrà in estate anche gelati artigianali di elevata qualità, un’altra buona notizia per gli amanti dei grandi dolci. 

Carlo Scatozza

Condividi!

Rispondi