Ven. Giu 21st, 2024

“La vita è bella”, il capolavoro cinematografico di Roberto Benigni, è un inno alla vita. Nella tragedia dell’Olocausto un padre riesce a nascondere al figlio l’abisso dell’umanità: l’orrore di un campo di concentramento nazista. Un figlio che si salva e che simboleggia la rinascita di un popolo, la speranza di una nuova umanità verso un futuro di pace e di fratellanza. A Casal di Principe (Caserta), terra per troppi anni martoriata dalla criminalità, ci sono artigiani del gusto che sperimentano la voglia di ripartire, mettendosi in gioco attraverso il duro lavoro, la professionalità, la creatività ed il piacere di fare rete sul territorio. È il caso questo della pizzeria La Vita è Bella che ha presentato in questi giorni primaverili, un percorso di degustazione il cui nome è fortemente evocativo: “Rinascita”. Un faticoso, ma fruttuoso, lavoro di rete tra produttori di eccellenza messo in piedi dall’energico Antonio Della Volpe che, assieme ad alcuni operatori del territorio dell’agro aversano, ma non solo, si pone come obiettivo quello di rivalutare un’area, talvolta bistrattata e vittima del pregiudizio, in grado di offrire non solo prodotti di altissima qualità, ma che hanno il pregio di essere coltivati con le moderne tecniche di rispetto della natura e dell’ambiente. Per questo straordinario lavoro Antonio Della Volpe non avrà un “Oscar” come Benigni ma certamente il plauso di chi ama la buona pizza ed il sostegno di chi crede nella resilienza.

Un percorso il cui “piato forte” è rappresentato dalla Margherita Rinascita, una rivisitazione della classica pizza preparata con la passata di pomodori datterini dell’azienda Diana 2.0 di Villa Literno. Quest’ultima nasce come volano per la valorizzazione di produzioni artigianali della famiglia Diana, il cui capostipite “Nonno Tammaro” (classe 33), ha dedicato la sua vita all’agricoltura ed in particolar modo alla produzione di pomodoro fresco, cercando insieme al figlio Andrea l’innovazione varietale ma che mantenga il gusto tipico dei classici pomodori. 2.0 perché la seconda generazione di Tammaro Diana, giovane agronomo, decide di ottimizzare le produzioni aziendali in chiave di innovazione e sostenibilità ambientale, economica e sociale, puntando e dedicandosi allo sviluppo di trasformati di pomodoro artigianali. La mozzarella di bufala campana Dop, invece, è del caseificio della Cooperativa sociale “Le Terre di Don Peppe Diana – Libera Terra” di Castel Volturno, primo prodotto campano realizzato su terreni confiscati alla camorra. Ma la “rinascita” passa anche attraverso un buon bicchiere di accompagnamento. Anche qui si valorizza il territorio abbinando sia i vini della cantina Vitematta, azienda di Casal di Principe che produce Asprinio d’Aversa su terreni sottratti alla criminalità, sia le birre di Karma, il birrificio artigianale di Alife che ha creato in esclusiva, proprio per “La Vita è Bella” la Rinascita, birra realizzata con bucce di limone dell’agro aversano.

Ma chi è Antonio Della Volpe? Classe 1988, frequenta l’alberghiero di Castel Volturno seguendo l’indirizzo di cucina. Dopo il diploma inizia a fare esperienza presso cucine di vario tipo tra cui quella del Grand Hotel Parker’s nella brigata dello chef Vincenzo Bacioterracino e quella dell’Hotel Eden di Roma. Nel 2007 apre il suo primo “La Vita è Bellaa Trentola Ducenta in cui propone ristorazione e pizza. Iniziando a notare l’attenzione sempre maggiore da parte della clientela nei confronti della pizza decide di imparare a prepararla in prima persona. Si iscrive così nel 2015 al suo primo corso presso l’accademia di un mulino e da quel momento continua a studiare il mondo dell’arte bianca in modo sempre più approfondito. Nel 2017 vince la Pizza World Cup con la pizza “La Vita è bella” realizzata con fior di latte di Agerola, datterino rosso, datterino giallo e all’uscita dal forno guanciale di maialino nero casertano, perline di bufala, scaglie di caciocavallo, provolone del Monaco, olio extravergine e basilico. Nel giugno 2021, insieme al cognato Amedeo Galoppo, che lo affianca al forno, decide di aprire un secondo “La Vita è Bella” sempre in provincia di Caserta ma questa volta a Casal di Principe. Il locale elegante, moderno e con forni a vista dispone di circa cento coperti. Il menu attualmente prevede tre tipologie di pizza. Accanto alla contemporanea Antonio propone già dall’apertura un originale tipo di pizza che si ispira alla Cotoletta alla milanese, in cui l’impasto prima di essere fritto viene impanato con pane panko. A queste due tipologie si sono aggiunti da oltre un anno i padellini proposti con quattro diversi tipi di topping tra cui Tartare di bufalotto, stracciata di bufala campana e porro fritto.

Tra le pizze contemporanee spiccano la Friariella (friarielli in doppia consistenza, mozzarella di bufala affumicata e salsiccia di suino nero casertano), la Cosacca Cilentana (pomodoro San Marzano Dop, pomodoro datterino, cacioricotta del Cilento presidio Slow Food e olio extravergine di oliva) e la Sogni di latte (mozzarella di bufala campana Dop, cacioricotta del Cilento presidio Slow Food, pecorino di Bagnoli Irpino, caciotta stracchianata, blu di bufala campana e polvere di caffè). Tra i fritti imprescindibile l’Arancino di Sorrento che è realizzato con riso Acquerello, grattugiata di limone, riduzione di basilico e pomodorino confit ed è servito su una fonduta di parmigiano reggiano. C’è anche spazio per il dessert con il Padellino dolce al cacao con ricotta di bufala campana, datterino dolce e gocce di cioccolato. Il menu prevede anche un’ampia sezione di proposte senza glutine.

Pizzeria La Vita è bella
Via Circumvallazione
Casal di Principe (CE)
Tel. 388 1268927

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.