Ven. Apr 19th, 2024

Si conclude oggi la terza edizione della Summer School di “Studio e monitoraggio delle praterie di Posidonia Oceanica”. L’evento ha visto la partecipazione di 11 entusiasti studenti di biologia marina provenienti da diverse parti d’Italia e dall’estero.

La cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione si terrà nel pomeriggio di oggi, venerdì 8 Settembre, per celebrare i risultati straordinari raggiunti dai partecipanti durante questa esperienza formativa unica. La sessione formativa si era aperta lo scorso 4 Settembre: ogni mattina gli studenti sono stati immersi nella bellezza dell’area marina protetta di Torre La Punta, tra Acciaroli e Pioppi, dove hanno potuto mettere in pratica le loro conoscenze attraverso attività di immersione in mare.

 

Nel pomeriggio, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di approfondire le proprie competenze partecipando a lezioni in aula presso il Museo Vivo del Mare e il Centro Velico di Pioppi. Questa esperienza multidisciplinare ha arricchito il loro bagaglio di conoscenze sulla biodiversità marina, la Posidonia Oceanica e le pratiche di monitoraggio.

 

La Summer School, diretta dal prof. luigi Valiante col coordinamento curato dal biologo marino dell’Anton Dohrn, Paolo Fasciglione, è stata possibile grazie alla collaborazione tra diverse istituzioni, tra cui Legambiente, la Stazione Zoologica Anton Dohrn, il Comune di Pollica, Motax e appunto il Museo Vivo del Mare di Pioppi, col supporto tecnico del diving Blue Soul e di Zeiss, che ha fornito le tecnologie all’avanguardia necessarie per portare avanti le ricerche. Una collaborazione che ha reso possibile l’organizzazione di un programma formativo coinvolgente e altamente professionalizzante, consentendo agli studenti di accrescere le proprie competenze nella ricerca e conservazione marina.

 

Il Museo Vivo del Mare di Pioppi estende le sue congratulazioni a tutti i partecipanti e ai partner per il successo di questa terza edizione della Summer School sulla Posidonia Oceanica. Il Museo riconosce il valore dell’educazione e della sensibilizzazione ambientale, e si impegna a continuare a promuovere iniziative simili che accrescono la conoscenza e la tutela del nostro prezioso patrimonio marino.

 

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.