Dom. Mag 26th, 2024

Sono accomunati dalla stessa filosofia, dagli stessi valori e dal medesimo senso di appartenenza al proprio territorio: quell’alto casertano verdeggiante, racchiuso tra le oasi del Parco regionale di Roccamonfina, del Matese e del Taburno.

La mission che perseguono entrambi è quella di esaltare le potenzialità artigianali e gastronomiche della loro terra, attraverso una costante ricerca condotta sulle materie prime e un lavoro accurato sulle tecniche di trasformazione nel mondo del fior di latte.

Ci giunge questa comunicazione da Sorì e che pubblichiamo :  Sorì, azienda casearia fondata nel 1868, a ridosso del parco di Roccamonfina, che vanta esportazioni in tutto il mondo e di Franco Pepe, pluripremiato artigiano della pizza che, con il suo locale, Pepe in Grani, ha fatto di Caiazzo un punto di riferimento internazionale per gli appassionati di questa pietanza.

La nostra collaborazione va al di là di qualsiasi accordo formale – ha dichiarato  Antonello Sorrentino, CEO di Sorì – le nostre sono due professionalità che si incontrano e decidono di mettere a punto un prodotto, nato dalla formalizzazione di un disciplinare volontario e realizzato secondo degli standard molto rigorosi: il Fior di Latte Appennino Campano. Frutto di una lavorazione condotta esclusivamente da materie prime locali e sottoposto a una lenta maturazione”.

Il nostro Fior di Latte ha caratteristiche organolettiche che, assieme ad una eccezionale filabilità dopo la cottura, ne fanno un prodotto unico” aggiunge, con orgoglio, Gaetano Sorrentino, Co-owner dell’azienda.

Franco Pepe, insignito negli anni di innumerevoli riconoscimenti e oggi considerato inequivocabilmente il pizzaiolo più famoso del Globo, di cui progetto professionale prevede il coinvolgimento delle aziende e dei produttori di punta del suo territorio, ha creduto da subito in questa collaborazione: “Con la famiglia Sorrentino condivido la conoscenza e la predilezione per le materie prime dell’alto casertano. Il nostro “saper fare”, che si nutre di ricerca, sperimentazione e di un costante e fruttuoso scambio di conoscenze, ci ha portati fino a qui: alla nascita di un prodotto d’eccellenza, quale è il Fior di Latte Appennino Campano.”

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.