Mar. Mag 28th, 2024

Continuano le selezioni della settima edizione de La Città della Pizza, il fortunato format che da anni costituisce un irrinunciabile appuntamento per appassionati e addetti ai lavori. Dopo Milano, Firenze e Palermo, è stato il turno di Napoli, la penultima delle 5 tappe, che sta costruendo la squadra di pizzaioli presente al grande evento di Roma (20-21-22 ottobre). A Napoli la gara è stata ospitata nella prestigiosa sede dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, in via Capodimonte 19.

“La tappa napoletana ha rispettato le aspettative. – racconta Emiliano De Venuti, ideatore de La Città della Pizza – Il livello tecnico dei concorrenti, anche quelli molto giovani, è stato notevole. La capacità e la maestria, frutto di lavoro e dedizione si è palesata in ogni pizza. Abbiamo conosciuto concorrenti la cui arte proveniva da oltre 5 generazioni di pizza. La tappa di Napoli è stata non solo una competizione ad alti livelli, ma soprattutto un momento di confronto tra professionisti”.

Le pizze dei 30 concorrenti, provenienti principalmente da tutta la Campania, 

sono state valutate con estrema attenzione da una giuria che, oltre alla presenza di Luciano Pignataro e Luciana Squadrilli, in questo caso Presidenti di Giuria, 

ha potuto schierare maestri della pizza come Enzo Coccia e Salvatore Santucci, Antonio Aniello, affiancati dal giornalista Giuseppe Giorgio e dalla digital specialist Francesca Pace.

Un panel attento ed esperto che alla fine ha decretato i tre vincitori della quarta tappa del Tour nazionale de La Città della Pizza:

CARMINE APETINO – De Figliole (Napoli) ha presentato come Cavallo di battaglia “Pizza Fritta Chicchinese” preparata con Scarola a crudo condita con Olio extravergine di oliva Azienda Fratelli Rotella – Monovarietale di Carolea, Provola, Fiordilatte, Cicoli Napoletani, Salame Napoli, Olive Nere, Alici, Pomodoro, Pepe

FRANCESCO DE BERNARDO – La taverna del Re a Capodimonte (Napoli) con la pizza cavallo di battaglia “Pizza Don Geppino” con Crema di Peperoni, Provola Affumicata, Basilico. In uscita: Mortandela della Val di Non, Peperone Crusco

GIUSEPPE TERRACCIANO – Marruzzella (Fondi) con la pizza cavallo di battaglia “Fondanè”, preparata con Mozzarella di Bufala, Crema di Fave, Fonduta di Pecorino, Polvere di Guanciale, Chips di Pecorino, Olio extravergine di Oliva Azienda Agricola Due Nove Sei – Blend di Itrana e Leccio del Corno.

Accedono al ripescaggio nazionale, con la possibilità di entrare a far parte de La Città della Pizza 2023 anche RAFFAELE LONGOMARDI (Obo – Napoli) ed PIERO RUOCCO (Piccolo Paradiso – Vico Bellignano).

Tutti i pizzaioli vincitori, così come gli altri, si sono sfidati anche sulla preparazione della pizza tradizionale Margherita/Marinara preparate con i prodotti presenti in dispensa:

Pomodori pelati Cirio Alta Cucina

Fior di latte Latteria Sorrentina

Farina Molino Casillo

Olio extravergine di oliva Azienda Agricola Due Nove Sei – Blend di Itrana e Leccio del Corno

Olio extravergine di oliva Azienda Fratelli Rotella – Monovarietale di Carolea

Chiusa la sfida di Napoli, si parte per l’ultima tappa del Tour Nazionale, Lunedì 3 luglio a Bari.

Chi vuole iscriversi può farlo andando sul sito www.lacittadellapizza.it, compilando il form e inviando la propria candidatura.

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.