Ultimi giorni dell’anno con Il Blu della Dieta mediterranea alla scoperta dei Borghi di Amalfi

Il 29 e 30 dicembre tra enogastronomia, musica e sentieri naturalistici si racconta lo stile di vita nell’ambito del programma di valorizzazione turistica promosso dalla Regione Campania

Un percorso tra enogastronomia, musica e sentieri naturalistici. E’ quello che vedrà protagonista Amalfi il 29 e 30 dicembre attraverso il racconto dello stile di vita mediterraneo inserito nel progetto “Il Blu della Dieta Mediterranea”, un programma di valorizzazione turistica promosso dalla Regione Campania e a cui ha aderito l’Amministrazione Comunale di Amalfi, guidata dal Sindaco Daniele Milano.

 

Incastrata tra i monti Lattari e il mar Tirreno, Amalfi, con i suoi paesaggi caratteristici e la sua storia unica ed irripetibile, diventa palcoscenico delle attività di un progetto che, nei mesi scorsi, ha già raccontato le bellezze di altri comuni, ospitando artisti e autori, ed amatori dello stile di vita mediterraneo, alla ricerca di un equilibrio tra le due coste: quella amalfitana, rampicante e dalla bellezza seducente, e quella cilentana, intima e dalle suggestioni primitive.

 

Il progetto, in questo periodo natalizio, si sposta da una costa all’altra per fare tappa nella più antica delle Repubbliche Marinare dove il 29 e 30 dicembre sono in programma escursioni alla scoperta del borgo di Amalfi e lo spettacolo “Dicendo Vola Vola – Canti e strumenti musicali delle Novene del Natale” di e con Ambrogio Sparagna.

 

A dare il via alle attività, il giorno 29 dicembre, sarà l’Escursione lungo la Via Maestra dei Villaggi, un percorso pedonale che, nel passato, collegava i piccoli borghi posti a ponente dell’antica Repubblica Marinara, realizzata in collaborazione con l’Associazione A.S.D. Sport&More. Dopo un iniziale tratto lungo la strada costiera, una prima sosta è prevista alla chiesetta della Madonna del Carmine, riconoscibile dal campanile monoforo che sormonta un passetto. Da lì, sarà possibile osservare anche le case di Pastena, singole unità abitative erette su ampi terrazzamenti ove sono ben visibili i caratteristici muretti a secco in pietra locale posti a sostegno di terreni e abitazioni. Subito dopo, si procederà lungo i gradoni del Vallone Pomicara caratterizzata dalle alte mura di recinzione, fino a raggiungere la Chiesa di Santa Maria Assunta su un paesaggio di incredibile bellezza. La passeggiata sarà intervallata da momenti musicali e assaggi di prodotti tipici della tradizione gastronomica locale.

 

Il 30 dicembre, invece, il programma si apre con l’Escursione in città, con la visita al Museo della Bussola e del Ducato Marinaro di Amalfi, realizzata in collaborazione con l’Associazione Guide Turistiche Costa d’Amalfi. Nella stessa giornata, è prevista anche la degustazione di prodotti tipici a Km0 presso il Mercato Contadino a cura di Coldiretti.

 

Alle 19.00, invece, è la volta dello spettacolo “Dicendo Vola Vola – Canti e strumenti musicali delle Novene del Natale”, un progetto musicale a cura di Ambrogio Sparagna, in cui l’atmosfera del Natale è segnata dai suoi protagonisti classici: gli zampognari e le voci popolari. Un progetto che vede la partecipazione di Annarita Colaianni, Marco Tomassi, Marco Iamele ed Erasmo Treglia e che, tra novene e pastorali tradizionali, vede in azione, oltre alle voci e alla zampogna, numerosi strumenti popolari italiani.

Un viaggio nella memoria musicale che permette di scoprire e riscoprire l’affascinante mondo legato alla tradizione popolare del Natale. Alla zampogna e ciaramella, si affiancano l’organetto, la ghironda, il torototela, la tofa e una serie di altri piccoli strumenti ancora oggi utilizzati per il tradizionale repertorio delle novene. Alle voci è affidato il repertorio delle novene e dei canti liturgici che risvegliano la memoria e quel sentimento di devozione e fede popolare proprio dell’Italia centro – meridionale.

 

Il progetto “Il Blu della Dieta Mediterranea” che farà tappa ad Amalfi tra Natale e Capodanno si propone come un ricco itinerario per vivere il patrimonio di ricchezze naturalistiche, storiche ed enogastronomiche di cinque comuni simbolo del vivere mediterraneo, fatto di buon cibo, vita all’aria aperta, convivialità: Pollica, Castellabate, Amalfi, Positano, San Giovanni a Piro. 

«Il calendario di appuntamenti è promosso attraverso le risorse del POC 2014/2020 – Politiche per il Turismo e la Cultura, ed è stato fortemente incoraggiato e sostenuto dalla Regione Campania. Ma “Il Blu della Dieta Mediterranea” rappresenta anche molto di più – dichiara l’Assessore alla Cultura e agli Eventi, Enza Cobalto – È il racconto di uno stile di vita, dove gli incontri, concerti, degustazioni, passeggiate e escursioni sono tasselli di un fitto programma teso a narrare il significato delle bellezze – uniche e seducenti – delle due costiere, quella amalfitana e quella cilentana. Un viaggio alla scoperta delle bellezze della Campania attraverso il filtro della sua primigenia identità: quella del mare e dei popoli che, per primi, l’hanno abitato, conosciuto e rispettato».

 

 

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.