Recupero delle bottiglie immerse di Elixir Falernum nel mare di Mondragone

Ci saremo anche noi al largo per il recupero come ci fummo per l’immersione lo scorso anno  !

 

Il 14 luglio a Mondragone si recuperano dai fondali marini le bottiglie di Elixir Falernum,

primo liquore al mondo in affinamento subacqueo

370 bottiglie in affinamento da 12 mesi in prossimità dell’antica Sinuessa

 

Era il 7 luglio 2021 quando per la prima volta in assoluto a livello mondiale una partita di bottiglie di liquore veniva posizionata sui fondali marini per studiare gli effetti che la permanenza in ambiente underwater determina sull’affinamento dei distillati. Giovedì 14 luglio 2022, a distanza di poco più di un anno, le 370 bottiglie di Elixir Falernum verranno riportate in superficie per valutare gli effetti prodotti da 12 mesi di affinamento subacqueo. A custodire le bottiglie da un anno sono i fondali dell’antica città romana di Sinuessa, fondata nel 296 a.C. e sprofondata sotto il livello del mare intorno al IX secolo d.C..

L’idea di sottoporre dei liquori all’affinamento sottomarino, già sperimentato ampiamente nel mondo del vino, è stata di Andrea Petrone, giovane manager dell’Antica Distilleria Petrone, azienda storica del casertano nata nel 1858. Nella scelta del liquore da sottoporre a questo esperimento Petrone si è basato sulla storia del suo territorio puntando sull’Elixir Falernum, un liquore a base di frutti di bosco e brandy invecchiato 3 anni, il cui nome si ispira al celebre vino apprezzatissimo in epoca romana che veniva prodotto nell’Ager Falernus e proprio dal porto di Sinuessa raggiungeva via mare l’intero Impero.

 

Il particolare microclima che si viene a generare sui fondali marini sembra determini condizioni ottimali per la maturazione dei liquori, così come già avviene per i vini, grazie a diversi fattori: temperatura costante, assenza totale di luce e di ossigeno, movimento delle correnti e delle onde che cullano le bottiglie e completo riparo dalle fasi lunari. Per le valutazioni scientifiche la Distilleria si avvarrà della collaborazione dell’Associazione Arma Aeronautica-Sezione di Caserta. I risultati saranno oggetto di studio anche da parte delle Università di Napoli e Palermo grazie alla collaborazione del professore Salvatore Velotto, docente di Scienze e Tecnologie degli Alimenti.

Parte del ricavato della vendita delle esclusive bottiglie sarà impiegato per realizzare entro la fine del 2022 un’area verde per bambini con giostrine all’interno di un parco pubblico in prossimità del lungomare di Mondragone.

 

Antica Distilleria Petrone

Via Generale Giardini, 49

Mondragone (CE)

Tel. 0823 978047

www.distilleriapetrone.it

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.