Sab. Mar 2nd, 2024

imagesNon solo sfumature di rosso e di bianco, il wine business si tinge di verde: Vitignoitalia, il salone del vino e dei territori vitivinicoli italiani in programma a Napoli dal 2 al 4 giugno, per l’edizione 2013 sposa il tema dell’eco sostenibilità e della tutela dell’ambiente.

Postazioni espositive realizzate in materiali provenienti dalla raccolta differenziata; utilizzo esclusivo di carta certificata FSC® secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici e dotata di EPD® (Environmental Product Declaration); presenza di postazioni per la raccolta differenziata; gestione del riciclo di sughero e vetro: sono questi i termini della partnership avviata da Vitignoitalia con Sabox e Formaperta, con l’obiettivo di ridurre al minimo l’impatto ambientale della manifestazione.

“Già l’edizione 2012 aveva visto la presenza di allestimenti in materiali riciclati in sale e aree comuni specifiche – dichiara Maurizio Teti, direttore del salone – l’obiettivo dell’accordo di quest’anno è quello di riuscire a riciclare almeno il 70% dei materiali, dimostrando con i fatti che fare business attraverso valori puliti non soltanto è possibile, ma rappresenta un vantaggio non trascurabile”.

Il percorso espositivo 2013 vedrà dunque postazioni in cartone ondulato, materiale proveniente dalla raccolta differenziata dei comuni campani, esempio virtuoso di economia green che coinvolge i cittadini, le istituzioni e l’impresa. Tutti i prodotti forniti per l’allestimento del Salone 2013 saranno, a fine evento, ritirati da Sabox e riciclati per diventare postazioni e materiale di comunicazione per VitignoItalia 2014 attuando il principio delle 3R (riduci, riusa, ricicla) e quello fondamentale della blue¬ economy (closed loopcycle).

Sabox e la Rete 100% Campania contribuiranno inoltre alla gestione ambientale di Vitigno Italia, allestendo – in collaborazione con i Consorzi di filiera – isole di raccolta per la differenziata e coordinando il ritiro di tutti i materiali da differenziare, incluso il sughero. Greener Italia, società di consulenza per la sostenibilità, si occuperà inoltre di calcolare e rendicontare gli impatti ambientali dell’evento e di elaborare un progetto per ridurli progressivamente.

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.