Mozzarella Dop spopola tra i divi di Hollywood: l’indagine del Cibus

Le stelle del cinema americano risultano essere, oggi più che mai, affascinate dai prodotti gastronomici italiani, considerati sinonimo di buon gusto. Questa almeno la tendenza che emerge dal monitoraggio sul successo del made in Italy tra le star di Hollywood condotto da Polli Cooking Lab attraverso 300 testate internazionali e 1200 siti internet, svolta in occasione della 16esima edizione di ‘Cibus 2012‘, il salone internazionale dell’alimentazione che si terrà a Parma dal 7 al 10 maggio. Il parmigiano reggiano e la mozzarella di bufala sono il ‘re’ e la ‘regina’ dei cibi tradizionali del made in Italy alimentare più amati. Ma sul podio salgono anche il prosciutto crudo e l’olio extravergine d’oliva. Non più, dunque, solo ‘pizza & spaghetti’ a contrassegnare la tavola tricolore. Le pietanze che incontrano sempre più il gusto della nuova clientela hollywoodiana si rifanno comunque alla più sperimentata tradizione: spaghetti alle vongole, penne al pomodoro e basilico, risotto, zuppa di verdure, pollo con i peperoni, ravioli ripieni con scampi, ovoline di mozzarella e pomodori secchi. Ma l’appetito viene mangiando e i divi non si contentano solo di importare e di gustare i nostri prodotti, ma puntano a trasformarli in un autentico business.Tra gli attori che da tempo  hanno scelto di basare la propria dieta a base di mozzarella dop ricordiamo Michael Douglas e Catherine Zeta Jones(innamorati anche della pasta campana) e Leonardo Di Caprio.

L’edizione che si apre domani del Cibus, a Parma, ha la Mozzarella anche manifesto ufficiale, insieme al prosciutto crudo, volendo così celebrare le eccellenze internazionali che il made in Italy propone, a Nord e Sud della penisola.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.