Sesta edizione della “Festa della Cipolla” di Alife

L’associazione socio-culturale “New Generation” è lieta di invitarvi alla Sesta Edizione della “Festa della Cipolla” ad Alife (CE). La manifestazione, che ogni anno riscuote un enorme successo di presenze e di iniziative culturali e sociali, prenderà il via Mercoledì 26 Agosto 2009 in Piazza XIX Ottobre, con un interessante convegno promosso dall’ass. Slowfood con a tema “La Cipolla Alifana”, per poi proseguire fino al 30 Agosto 2009 con degustazioni di pietanze saggiamente cucinate da mani esperte, di cui l’ingrediente principale è ovviamente la Cipolla: il piatto più blasonato è la “Cipollata”, una zuppa di cipolle e fagioli, accompagnata da Frittate di Cipolle, Pennette alla San Sisto, Cipolle alla Messicana, Cipolle alla Contadina, e tanto altro, con un menù che varierà ogni sera. Il tutto condito da splendida musica live, balli, animazione ed intrattenimento, con culmine finale di domenica sera con la rappresentazione dei Bottari della Battuglia della Pastellessa che proporranno suoni e canti della tradizione contadina.

Ogni sera sarà regalato un biglietto ogni 20 € di consumazione valido per l’estrazione del 30 Agosto di una vacanza per 2 persone offerta da Sani Allipharum. Scopo della manifestazione è senz’altro quello di valorizzare la fiorente produzione della Cipolla Alifana, l’ortaggio che ha reso famosi i nostri coltivatori per le loro doti di impeccabili produttori dell’ “Allium Cepa”, e della storia della Città di Alife.

Momento principale della manifestazione è tra l’altro la “Gara delle Cipolle”, ossia la partecipazione diretta dei produttori, i quali mettono in gioco le loro abilità ortofrutticole esponendo le migliori qualità di cipolle coltivate nel corso dell’anno. Una giuria di esperti è così chiamata a giudicare le migliori Cipolle esposte. Al termine della manifestazione vengono poi premiati i rispettivi vincitori.

Durante la manifestazione è possibile visitare anche il Mausoleo “Acilii Glabriones”, al cui interno sono esposti pannelli illustranti la storia di uno dei più antichi e ricchi paesi dell’alto casertano per i suoi monumenti e strutture murarie risalenti a centinaia di secoli fa, l’Anfiteatro e il Criptoportico, monumenti di recente riportati agli albori di un tempo.

Alessandro Tartaglione

Direttore Responsabile di Campania Slow | Contatto Facebook: http://www.facebook.com/a.tartaglione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.