Ven. Giu 21st, 2024

Importante focus su aspetti decisivi del fatturato agricolo regionale

L’OP Alma Seges, il Dipartimento di Agraria della Federico II di Napoli e l’Accademia dei Georgofili, con la collaborazione di Lifeanalytics e la testata Fresh Cut News, e il patrocinio dell’Ordine degli Agronomi di Salerno, organizzano per sabato 21 ottobre a Battipaglia, dalle ore 9:00 alle ore 13:30 presso l’Hotel Centro Congressi San Luca, una giornata di confronto e approfondimento per fare il punto sul comparto della IV gamma, settore strategico per l’agro-industria di tutto il Paese e della Campania in particolare.

Il confronto dal titolo “La IV Gamma, tra sostenibilità e mercato: sfide e ricette anticrisi” sarà l’occasione per discutere con esperti del mondo dell’università e della produzione, delle principali criticità e delle possibili soluzioni per affrontare le sfide climatiche e quelle del mercato. L’enorme contributo che ricerca e innovazione possono garantire al fine di coniugare produzioni sostenibili e di qualità, tradizione e innovazione sarà un ulteriore ambito di approfondimento.

 

Il mercato della IV gamma tra crescita e criticità

Il mercato della IV gamma, che dalla sua nascita ha fatto registrare una costante crescita, negli ultimi anni sta vivendo un momento complesso e difficile. In particolare, il comparto, che vale oltre 1 miliardo di euro e per il 70% è rappresentato da baby leaf e insalatine in busta, si posiziona a un livello di prezzo sempre più basso nel segmento dei convenience food mentre i consumi, fortemente calati durante il lockdown, si caratterizzano nel post-pandemia per una sostanziale stabilità in volume e un calo in valore, anche per l’eccesso di offerta.

Le aziende di IV gamma, già in sofferenza per il boom dei costi delle materie prime ed energetici, incontrano oggi varie difficoltà: dalla carenza di manodopera specializzata alla difficoltà di reperire le produzioni di base, dai margini ridotti all’appesantimento burocratico, dalla scarsa distintività del prodotto alle politiche di parte della GDO che punta sul fattore prezzo, per arrivare a una informazione mainstream che non di rado “criminalizza” il comparto.

Negli ultimi mesi, con l’aumento del costo del denaro, alcune importanti aziende italiane del settore hanno dovuto chiudere i battenti. Molte realtà, in tempi di riduzione del potere d’acquisto, stanno ripensando strategie, spazi d’azione e alleanze.

A monte della filiera, la conservazione per garantire la sicurezza alimentare e la freschezza dei prodotti è un’altra delle principali criticità.

 

Innovazione: la nuova ricetta per aumentare la shelf life della IV gamma

Per estendere la shelf-life dei prodotti, si stanno sviluppando nuove tecnologie di refrigerazione e di confezionamento in atmosfera modificata e trattamenti di risanamento e disinfezione innovativi. La IV gamma genera, inoltre, una grande quantità di imballaggi che rappresentano una criticità dal punto di vista ambientale. Su questo fronte, il settore si trova a dover fronteggiare importanti questioni, imposte da normative europee che richiedono in

 

maniera sempre più incisiva l’uso di materiali di confezionamento sostenibili, ma anche dalla crescente sensibilità del consumatore medio.

 

Nuovi approcci di filiera per sostenere la domanda e diversificare l’offerta

I prodotti IV gamma, infine, hanno un costo di produzione “strutturalmente” più elevato rispetto a quelli convenzionali ed entrare in dinamiche competitive basate esclusivamente sul prezzo con i prodotti di “ I gamma” o “I gamma evoluta”, in forte crescita qualitativa, rischia di essere penalizzante per il comparto e fuorviante per il consumatore. Al contrario, occorre continuare a puntare sulla diversificazione dell’offerta e a creare valore aggiunto (e servizi) intorno ai prodotti. Tante, insomma, le sfide da fronteggiare con un approccio di filiera e il supporto della politica.

 

Il Programma

 

ORE 9:00 – 9:30 Saluti istituzionali

 

Francesco Lollobrigida – Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, MASAF (in collegamento)

Nicola Caputo – Assessore all’Agricoltura della Regione Campania

Danilo Ercolini – Direttore Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II

Mario Pezzotti – Commissario straordinario del Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria, CREA

Massimo Vincenzini – Presidente Accademia dei Georgofili

Luigi Polizzi – Direttore Generale Masaf

Roberto Berutti – Membro del Gabinetto del Commissario europeo all’agricoltura

 

ORE 9:30 – 11:30 Interventi tecnico-scientifici

 

• Nuove sfide per il comparto della IV gamma in Italia
Stefania De Pascale – Università degli Studi di Napoli Federico II

 

• L’innovazione di prodotto per il rilancio della IV gamma
Antonio Ferrante – Università degli Studi di Milano

 

• L’innovazione di processo per il rilancio della IV gamma.
Giancarlo Colelli – Università degli Studi di Foggia

 

• La qualità igienico-sanitaria degli ortaggi di IV gamma dal campo alla tavola.

Alessandro Passera – Università degli Studi di Milano

 

• La IV gamma nei nuovi scenari di consumo.
Teresa Del Giudice – Università degli Studi di Napoli Federico II

 

• Le principali problematiche tecniche nella coltivazione degli ortaggi a foglia per la IV gamma
Marco Valerio del Grosso, Agronomo di campo

• Aspetti normativi sul controllo e sulla sicurezza alimentare.
Caterina Citro – Lifeanalytics.

 

ORE 11:30 – 11:45 Coffee break

 

ORE 11:45 – 13:00 Tavola Rotonda

Stakeholder di Settore: Industria/Produzione/Distribuzione e Consumatori:

 

Antonio Salvatore, Coordinatore comitato IV Gamma OI

Sonia Ricci, Presidente Unaproa

Vito Busillo, Presidente Consorzio di Tutela Rucola Igp Piana del Sele

Diego Cloni, Presidente Op La Maggiolina

Tino Bellina, Senior Buyer ortofrutta di Carrefour Italia

Gennaro Esposito, Chef

Modera Mirko Aldinucci – Fresh Cut News.

 

ORE 13:00 Conclusioni

Ettore Prandini, Presidente Coldiretti

 

Agli iscritti all’Ordine degli Agronomi che parteciperanno al convegno saranno riconosciuti 0,5 crediti formativi.

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.