Lun. Mag 20th, 2024

Venerdì 15 ottobre l’azienda agricola Mulino Bencivenga ad Alvignano (Ce) nel corso dell’eventoNostro Pane, Nostra Libertà; Our Bread, Our Freedom” ospiterà in collegamento Vandana Shira, nota ambientalista e attivista su temi quali la biodiversità e la bioetica. L’iniziativa è una ulteriore tappa del ‘Graditi Tour’, dall’omonimo progetto che ha come partner il CNR e Città della Scienza (oltre ad una serie di aziende agricole e un istituto superiore) la cui finalità è utilizzare farine ottenute da grani antichi per nuovi prodotti ad alto valore salutistico con ricadute positive sul consumatore e per la salvaguardia e l’uso sostenibile del suolo.

Vandana Shiva, che da anni si batte per la tutela della diversità biologica, animata da una forte passione per i diritti umani, celebra il forte simbolismo del pane rievocando il ricordo di come in India nel 1857 all’inizio del movimento di liberazione nazionale dal colonialismo, l’emblema del movimento per la libertà era proprio lo scambio di un pezzo di pane da persona a persona.  

Una giornata all’insegna della natura, dell’agricoltura e dell’alimentazione: dalla Campania, tante piazze italiane e internazionali si collegheranno e saranno riunite insieme per un mondo di pace.  Alla fine dell’incontro con Vandana Shiva, verrà seminato il seme di libertà, da curare e nutrire così come il sentimento di giustizia. Il tutto avverrà all’interno di una un’azienda agrituristica biologica che ospita un Mulino del ‘700 e che è dedita all’accoglienza delle scuole per percorsi didattici sull’agricoltura biologica e sull’alimentazione.

Per le scuole in particolare, sarà lanciato il Premio “Nostro Pane, Nostra Libertà”: fino alla fine di maggio 2023 gli studenti potranno partecipare inviando foto e immagini del loro seme, di come si sviluppa, per poi presentare a giugno un lavoro letterario, artistico, audiovisivo, creativo intorno alla pianta e ai suoi valori simbolici e concreti. 

Per info: www.graditi.it 

Il Progetto Graditi

GRADITI è l’acronimo del progetto dal titolo GRANI ANTICHI PER NUOVI PRODOTTI SALUTISTICI che intende utilizzare farine ottenute da grani antichi per nuovi prodotti ad alto valore salutistico con ricadute positive sul consumatore, per la salvaguardia della biodiversità agraria e l’uso sostenibile del suolo.  Un lavoro di ricerca scientifica e divulgazione dei risultati che si realizza attraverso un partenariato che coinvolge diversi protagonisti ciascuno per le proprie competenze e know how. 

Capofila del progetto è un’azienda agricola, Azienda Ottavio Lucifero, mentre il CNR che partecipa con due istituti del Dipartimento Bioagroalimentare, Istituto di Scienze dell’Alimentazione (ISA) e l’Istituto di Protezione Sostenibile delle Piante (IPSP), e Città della Scienza di Napoli sono partner del progetto rispettivamente per le attività scientifiche e per la disseminazione dei risultati. La responsabile scientifica del progetto è la dott.ssa Maria Grazia Volpe. Partner sono inoltre una serie di aziende agricole, di trasformazione e un Istituto tecnico agrario: Azienda Agricola Iuorio Luigia; Azienda Agricola Pompilio; Azienda Agricola Graziosi; Serrocroce Birrificio Agricolo; Azienda Agricola Mulino Bencivenga; Antica Forneria Molettieri; Le Vecchie Tradizioni di Immacolata Di Paolo; l’Istituto tecnico agrario G. De Gruttola di Ariano Irpino (Av). 

Per maggiori info: http://www.graditi.it/

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.