A Cibus tanta Campania. Mozzarella Dop, Food Village e con la Regione ventotto aziende

Parte il Cibus a Parma la prossima settimana dal 3 al 6 Maggio e c’è tanta Campania ovviamente. A partire dalla presenza del Consorzio di Tutela della Mozzarella di bufala Dop con tante novità su export e comunicazione,  insieme con Pasta di Gragnano Dop e Carciofo di Paestum IGP, ma poi anche iniziative come il Food Village, un  progetto che  sarà realizzato  dalle aziende Carbone Conserve Vegetali, Armatore, Molini Pizzuti, Fior d’Agerola, pastificio Antiche Tradizioni di Gragnano e Olio Ortuso. Sicuramente da non perdere  allo stand M064 del padiglione 5 del Cibus di Parma anche  tantissimi appuntamenti con chef, pizzaioli e panificatori di spessore. Oltre ai pizzaioli resident come Fabio Di Giovanni, docente dell’Accademia Nazionale Pizza DOC e titolare della pizzeria “Don Antonio” di Salerno, Helena VD Pescino e Saverio Miranda, allo chef Antonio La Cava. Nutrita la presenza istituzionale della Regione Campania con 28 aziende tra agroalimentare e comparto ittico  che hanno aderito ad una call pubblica.

Il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana dop  ha scelto di raddoppiare gli spazi espositivi: oltre allo stand interno alla rassegna (Padiglione 2Stand G008), sarà allestita anche una grande area da 120 metri quadrati all’esterno del Padiglione 2. È il segnale della grande voglia di tornare a incontrare pubblico e addetti ai lavori in condizioni di normalità.

Proprio al Cibus il Consorzio presenterà il nuovo studio di mercato sulla Mozzarella di Bufala Campana Dop, realizzato da Nomisma, e l’anteprima della nuova campagna di comunicazione, affidata all’agenzia creativa McCann WorldGroup Italia, un partner internazionale, in linea con la forte spinta all’export che sta vivendo la Bufala Campana.

L’iniziativa si terrà il 4 maggio alle ore 12.30 nell’area espositiva della Mozzarella di Bufala Campana Dop, con gli interventi di Denis Pantini, responsabile Agricoltura e Industria Alimentare di Nomisma; Daniele Cobianchi, Ceo di McCann Worldgroup Italy e Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di Tutela.

Nomisma ha analizzato per il Consorzio gli scenari post-Covid e le nuove abitudini di acquisto dei consumatori. Emergono potenzialità di crescita ulteriori per la mozzarella di bufala campana Dop. Partendo da questi risultati, il Consorzio ha messo in campo progetti e strategie per un riposizionamento sui mercati, a cominciare dalla realizzazione della nuova campagna comunicativa.

Cibus 2022 vedrà il ritorno dei buyer stranieri e noi siamo pronti a presentare nuovi percorsi di racconto della Mozzarella di Bufala Campana Dop, per differenziare questo prodotto premium sul mercato lattiero-caseario e far conoscere sempre più la sua unicità e i nostri valori”, commenta il presidente del Consorzio di Tutela, Domenico Raimondo.

La fiera di Parma sarà anche l’occasione per rilanciare l’alleanza “made in Sud” con il Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano Igp, con cui sarà condiviso lo spazio espositivo. Durante le giornate di Cibus sarà sviluppato il tema dello street food italiano di qualità, incentrato su Pasta di Gragnano e Bufala Campana. Ci saranno proposte quotidiane e originali di menu tematici, in collaborazione anche con il Consorzio di Tutela Grana Padano Dop e con il Consorzio di Tutela del Carciofo di Paestum Igp. Si spazierà dalla frittatina di bucatini di Gragnano Igp, mantecati al Grana Padano, con Mozzarella di Bufala Campana Dop affumicata, fino al rigatone di Gragnano farcito con Mozzarella di Bufala Campana, broccoletti, Grana Padano 24 mesi con ketchup di peperone, passando per il fiore di zucca ripieno di risone di Gragnano con Bufala Dop e proponendo anche la pizza in versione “on the road”.

La partecipazione congiunta a Cibus con il Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana DOP è la conferma che insieme facciamo sinergia e promuoviamo le due denominazioni più rappresentative del Sud. Una fruttuosa collaborazione nata diversi anni fa che confermiamo anno dopo anno”, sottolinea il Presidente del Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano Igp, Massimo Menna, e aggiunge: “Fare sistema e cooperare, soprattutto in questo momento di incertezza, acquista ancora più valore e ci permette di guardare al futuro con ottimismo e resilienza. Cibus sarà un’ulteriore occasione per fare fronte unito, raccontare l’Italia della qualità e riunire tutti attorno ad un conviviale e rassicurante piatto di pasta e mozzarella”.

 

Ecco quali sono le aziende che popoleranno, invece, lo stand istituzionale della Regione Campania

Andolfo Nunzio & C. srl NA
2 Ventitre srls AV
3 Fratelli D’Acunzi srl SA
4 Pastificio Marulo srl NA
5 Caffen srl NA
6 Casa Iuorio società agricola s.s. SA
7 I Segreti di Diano – La Mela srl SA
8 La Fabbrica delle Olive di Domenico Maiello NA
9 Casina Reale di Catalano Domenico SA
10 Di Ni sas Di Nicola G. & Co SA
11 Le Rarità Cilentane srl SA
12 Azienda Agricola Bartolo Aiezza CE
13 Pasta Cuomo NA
14 Pastificio Gaetano Faella srl NA
15 Italiana Conserve srl SA
16 Best Italian Selection srl SA
17 Associazione Olivicoltori Sanniti soc.coop.agr. BN
18 Casa Madaia srl SA
19 Eli.S.AN. Natural Food di Crispi Cecilia SA
20 Ge.Ca Legumi Spa NA
21 Nanometro Zero Farmhose SA
22 Comune di Oliveto Citra SA
23 Comitato Promotore IGP Olio Campania

Presente anche il comparto ittico con

  1. Cucina Italiana
  2. Eurofish
  3. Futur pesca
  4. Montemare
  5. Unifrigo Gadus

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.