Estate di San Martino negata dal Covid, salta pure la festa dei cornuti

Ci siamo, mercoledi’ 11 Novembre è San Martino, giorno intorno al quale si celebra l’estate di San Martino, quel periodo autunnale dell’anno caratterizzato da  condizioni climatiche buone, venute dopo il primo freddo, e in questo 2020 anche questa festa, tradizionalmente fatta di assembramenti è abbattuta dal Covid.  San Martino che diede copertura al povero infreddolito tagliando il suo mantello che fece arrivare il sole su tutta landa fredda da lui attraversata, celebra la solidarietà ma anche la ruralità ed i suoi valori, così in molte zone ci sono stati da sempre eventi che spesso hanno avuto il vino, segnatamente il novello, e i raccolti autunnali come  castagne ad essere la base dei festeggiamenti tra canti e suoni tipici. Molto in sordina in questo anno l’iniziativa del Movimento Turismo del Vino in Campania che tradizionalmente vede le cantine aperte nei weekend vicini alla data del ’11 novembre, lo stesso dicasi, anzi ancora più alcuni degli eventi storici del tempo nella nostra regione. Saltano quindi, per i provvedimenti di stop a sagre e manifestazioni L’estate di San martino a Marcianise, che per molti anni ha animato i vicoli della cittadina, e viene bloccata la 43° edizione della festa dei cornuti di Ruviano, un must anche televisivo del giorno dedicato a Martino. Consolarsi? Magari con qualche bottiglia di Novello di Cantina del Taburno o delle cantine locali e con e ottime castagne che la campagna campana sta dando come non si vedevano da anni.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pentole Professionali