Lettera dell’Alleanza Cuochi e Pizzaioli Slow Food sul difficile momento di ristoratori e pizzaioli

Riceviamo la lettera dell’Alleanza Cuochi e Pizzaioli Slow Food di Campania e Basilicata e volentieri pubblichiamo

Cari alleati,

ci piace partire da uno dei principi fondativi della nostra associazione, il valore della convivialità, che giocoforza ci è opportunamente negata in questi giorni, per porgervi un saluto che sia di testimonianza e vicinanza emotiva, affettiva e di speranza.

In questo tempo nel quale la condivisione di un decisivo obiettivo comune di carattere sanitario ci costringe a sospendere le nostre consolidate abitudini nei rapporti e nelle modalità di coltivarli, anche in riferimento alle finalità di carattere produttivo ed economico, ci sembra giusto riaffermare il valore della solidarietà, dell’inclusione, della vicinanza a tutti coloro che presentano delle fragilità contingenti, certi che insieme sarà possibile superarle e trarre da questa crisi stimoli di cambiamento per un futuro recupero e crescita innovativa.

Per questi motivi il comune progetto Slow Food dell’Alleanza, che è soprattutto la condivisione di un’etica, filosofia e visione del mondo, declinata nelle singole e specifiche realtà operative, ci inorgoglisce e ci impegna nella comune battaglia, ora di resistenza ma, quanto prima, di sviluppo e raggiungimento di nuovi ed importanti traguardi. Tutta Slow Food, ora e per sempre è Alleanza, e l’Alleanza è Slow Food: niente paura, solo coraggio e riprenderemo con rinnovata forza e vigore il nostro cammino!

Viva Slow Food, viva l’Alleanza.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.