Si Cucine Cumme Vogli’I: Eduardo tra Palcoscenico e Fornelli

EDUARDO DE FILIPPO NELLE VESTI DI PULCINELLA TEATRO SAN FERDINADO 1954 Innumerevoli le piece gastronomiche che il teatro eduardiano ha reso immortali, dal brodo  vegetale di Natale in casa Cupiello ( in cui il sign. Cupiello ingaggiava duri scontri con Nicolino che voleva regalare la gallina), ai maccheruni azzeccati, bruciati, di Le Voci di Dentro, ed ogni rappresentazione ci ha regalato il cibo come parte dell’avventura umana,ma anche grande passione dell’Eduardo uomo con in primis la passione per il Ragù. Nel suo Teatro cibi semplici di una Napoli che aveva fame e che sapeva cucinare bene le pietanze che riuscivano ad arrivare  in tavola,senza cedere mai nulla allo spreco,  anche questo è il teatro di Eduardo De Filippo. Ecco quindi un evento, sulla scorta del Cultural e Social Eating  proposto dall’associazione Viviquartiere  per rivivere sapori e storie della cucina eduardiana, questo l’invito dell’associazione per il 15 Novembre:  La cultura, la tradizione napoletana, l’arte culinaria, il teatro, la poesia e la personalità di Eduardo si fondono in un omaggio al grande artista, a trentanni dalla sua scomparsa. La casa di Gianni, il nostro cantastorie, ci ospiterà in un’atmosfera intima e familiare, per regalare a tutti noi uno spaccato di vita vera, svelandoci un Eduardo inedito, cuoco d’eccellenza. E, come nelle sue commedie, non mancherà una tavola imbandita con i piatti della sua cucina povera che gusteremo insieme, tra canzoni, poesie, brani teatrali ed un bicchiere di vino.
L’evento rientra nell’iniziativa REDENNE MAGNANNE di VIVIQuartiere, il primo esempio made in Naples di “cultural and social eating”, un fenomeno diffuso da tempo all’estero e che ora si sta facendo strada anche in Italia. Trascorrere qualche ora in compagnia a casa di altri, cenando con nuove conoscenze, gustando le specialità del territorio, accompagnati da momenti di animazione culturale e dividendo le spese: un modo originale per fare nuovi incontri e provare un’esperienza insolita.

Appuntamento Sabato 15 Novembre ore 20.30 nei pressi dello scalone del Museo Archeologico Nazionale.

POSTI LIMITATI

E’ PREVISTO UN CONTRIBUTO DI PARTECIPAZIONE E LA PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: infoline 3396304072

 

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.