Sab. Apr 20th, 2024

cinegustologiaffddccRiparte con il 2014, la rassegna CINEVINO parole, immagini, nettari, nata da un concept di Alfonso Amendola e Giuseppe Di Agostino, a cura di Alessia Benincasa. Un mix tra cinema e degustazione dei prodotti delle più importanti case vinicole italiane. Gli spettatori, possono godersi il film, tra una pietanza e l’altra. La presentazione è affidata al giornalista Nunzio Siani. L’azienda vinicola di sabato 25 gennaio, curata dalla Famiglia “Antinori”, si dedica alla produzione di vino da più di seicento anni: da quando, nel 1385, Giovanni di Piero Antinori entrò a far parte dell’Arte Fiorentina dei Vinattieri. La Marchesi Antinori esprime la propria passione per la viticoltura cercando margini di miglioramento sempre più sottili. La selezione gastronomica della serata è a cura della VINERIA BUIO di Nocera Inferiore.

Il Film. BIG NIGHT di Stanley Tucci e Campbell Scott. Primo e Secondo Pileggi, emigranti calabresi, hanno aperto un ristorante in una cittadina del New Jersey negli anni ’50. I fratelli sono molto diversi tra loro e si scontrano su come gestire il locale: Primo, che è lo chef, è molto legato alla tradizione della cucina italiana, e non vuole scendere a compromessi, mentre Secondo,che funge da maître, cerca di accontentare i gusti dell’ancora sparuta clientela, che ha un’idea distorta della tradizione culinaria. Improvvisamente, i due si trovano a dover offrire una cena di gala, per il rilancio del locale, a Louis Prima, famoso musicista e intrattenitore italoamericano. Commedia agrodolce con molti meriti. Attraverso le fessure filtra più di un tema serio. Merita un posto d’onore nel cinema che ha il cibo come epicentro. In Italia magnificamente doppiato in dialetto abruzzese e adattato di conseguenza. Preparati da Mamma Tucci i paradisiaci piatti del menù sono i veri protagonisti.

La rassegna Cinevino si conferma format cult del MARTE, dove vino, prodotti del territorio, degustazioni enograstronomiche sono i protagonisti assoluti. Durante gli appuntamenti serali, il buon bere, la passione per il cibo campano e per la cucina si accompagnano alla visione di film accuratamente scelti per l’occasione. Un’iniziativa che abbina enogastronomia alla Settima Arte, palato e occhi.

Di Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.