ASSOSTAMPA e ARGA rilanciano il Premio “Franco Landolfo”

Un Premio intitolato a Franco Landolfo, fondatore dell’Arga (Associazione Regionale Giornalisti dell’Agricoltura, Alimentazione, Territorio, Foreste, Pesca, Energie Rinnovabili), a lungo impegnato con ruoli dirigenziali nell’Ordine dei Giornalisti e nella Associazione Stampa della Campania, è stato lanciato, a cinque anni dalla sua scomparsa, in occasione dell’incontro che i giornalisti campani dell’Arga, su invito dell’Assostampa di Caserta, hanno organizzato nel parco della tenuta San Bartolomeo in località Pantaniello di Caiazzo, dove l’Associazione Giada (Giardini e Dimore dell’Armonia) ha promosso l’evento: “Foglie rosse: percorsi d’autunno, giardini di poesia”.

L’Arga, che è associata all’Unaga ed è uno dei gruppi di specializzazione dell’Assostampa Campania, ricorda nella sua denominazione proprio il suo indimenticabile fondatore “Francesco Landolfo” e già negli anni passati ha svolto incontri su tematiche legate al territorio nel casertano

E proprio l’anno prossimo, sempre in coincidenza con l’anniversario dalla scomparsa di Franco Landolfo, il premio vivrà la sua giornata conclusiva proprio nei saloni della tenuta San Bartolomeo, come hanno convenuto i componenti del direttivo dell’Arga Antonella Monaco, Gian Paolo Necco e Peppe Iannicelli, che hanno avuto l’incoraggiamento e l’assenso da parte del presidente dell’Assostampa Caserta Michele De Simone e del presidente dei Giornalisti Senior della Campania Ermanno Corsi.

La riuscita giornata era iniziata dalla visita, guidata dall’architetto Nicola Tartaglione fondatore di Giada e da Loreto Marziale “patron” di San Bartolomeo, al giardino ed al parco faunistico della tenuta, dove si possono ammirare un centinaio di specie diverse di uccelli di tutti i continenti, che si sono perfettamente ambientati nell’habitat del Medio Volturno. Successivamente ha avuto luogo un reading di poesie, ispirate all’autunno ed alle foglie rosse, che proprio in questo periodo colorano i giardini, a cura dell’attore Piero Grant con la sua simpatica partner Chiara.

Significativa a conclusione della kermesse, dopo la degustazione dei prodotti enogastronomici del territorio, l’incontro dei giornalisti e degli esperti con la pluripremiata chef. Rosanna Marziale, quest’anno insignita del titolo di “Lady Chef” italiana, reduce da una serie di manifestazioni in tutta Italia ed all’estero, in cui ha svolto il ruolo di “ambasciatrice della Mozzarella di Bufala”.

Con lei alcuni produttori di eccellenze del territorio, tra i quali Manuel Lombardi dell’Agriturismo La Campestre di Castel di Sasso, che ha illustrato le caratteristiche del rarissimo e incomparabile conciato romano, un formaggio che risale appunto agli usi gastronomici degli antichi romani; Mimmo La Vecchia del caseificio “Il Casolare” di Allignano con una varietà di confezioni di mozzarella di bufala di eccezionale qualità; infine il maestro birraio Mario Cipriani che ad Alvignano distilla una birra denominata Karma, dal gusto veramente innovativo e che ha già conquistato una collocazione di nicchia di alta qualità sul mercato non solo locale.

Un dibattito utile tra giornalisti e produttori che ancora una volta ha esaltato l’importanza della tutela e valorizzazione dei prodotti e delle confezioni tipiche del territorio, non solo per la salvaguardia di una cultura legata alle radici della storia e delle tradizioni, ma anche di un patrimonio da mettere sul mercato nel qualificato e non certo secondario segmento del turismo legato all’enogastronomia, all’ambiente, ai monumenti dell’entroterra, la cui riscoperta è sicuramente un valore aggiunto rispetto ai grandi attrattori turistici e culturali.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.