La Blockchain per la tracciabilità dei prodotti del Caseificio Spinosa

 Spinosa S.P.A., azienda familiare ai vertici del mercato per la produzione di mozzarella di Bufala Campana DOP e derivati, annuncia un importante successo mai raggiunto prima nel settore lattiero-caseario: da oggi l’intera filiera della mozzarella di bufala campana Dop – a marchio proprio – è visibile a tutti i consumatori. 

Ogni singola confezione di prodotto DOP con il bollino ‘Certificato Blockchain – Quality’ riporta anche un codice QR code che, se scansionato, permette al consumatore di accedere a una landing page con le informazioni circa la catena produttiva: a partire dai 45 allevamenti certificati (dislocati fra la piana del Volturno e l’Agro Pontino) fino alle fasi di trasformazione e confezionamento. Attraverso lo stesso codice e inserendo il lotto del prodotto è possibile verificare tutti gli standard di qualità cui l’azienda si attiene da sempre per offrire una gamma di eccellenza in termini organolettici e di sicurezza alimentare in conformità con la regolamentazione stabilita dal Consorzio per la tutela della mozzarella di bufala Campana DOP. per tracciare la propria filiera e garantire una qualità certificata, in risposta alla crescente domanda del consumatore in questi termini. 

“Questo progetto, la cui attuazione ci ha richiesto un notevole investimento in termini di tempo, impegno personale, e di risorse dedicate, si inserisce nel più grande piano di attività di ricerca e sviluppo che quotidianamente orientiamo per migliorare la qualità e la sostenibilità della nostra attività. – commenta Luigi Griffo, presidente e amministratore delegato di Spinosa S.p.A. – ‘Sapere come fare’ è da sempre il segreto del nostro operato: da generazioni conosciamo il nostro territorio e con passione e duro lavoro ci impegniamo per valorizzarlo attraverso la produzione di un’eccellenza alimentare che soltanto qui è possibile realizzare. Da oggi desideriamo ottenere ancora più fiducia da parte dei consumatori, mostrando loro tutti i passaggi che stanno dietro la creazione della nostra mozzarella di bufala Campana DOP”. 

Attraverso la soluzione EY OpsChain Food Traceability Spinosa intraprende un percorso di trasparenza al 100%, dall’allevamento alla tavola, che rappresenta un impegno in prima linea per combattere la contraffazione del made in Italy. 

“Siamo di fronte ad un nuovo paradigma nel mercato del food – dichiara a questo proposito Giuseppe Perrone, EY Blockchain Hub Mediterranean Leader -; secondo i dati in nostro possesso, la digitalizzazione di filiera è un asset strategico per le aziende dell’agro alimentare che puntano alla creazione di “valore” del prodotto all’aumento dell’awareness del brand agli occhi del consumatore. La Blockchain, per Spinosa, sarà particolarmente importante per l’estero, dove il 74% dei consumatori è sensibile ai concetti di “autenticità” del prodotto.” “Si tratta di un importantissimo traguardo raggiunto da una realtà di spicco della nostra Regione che, parimenti, garantisce nuova fiducia nelle attività delle aziende del nostro territorio” – commenta Eugenio Amodio, Associate Partner EY responsabile per le attività Assurance in Campania. 

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.