Cenando sotto un cielo diverso con Slow Food

cenaperfarliconoscereL’ Associazione “Tra cielo e mare” operante nel campo della disabilità e diretta da Alfonsina Longobardi, inaugurerà un’edizione speciale ‘on the road’ di ” Cenando sotto un cielo diverso” , che si tiene abitualmente nel Castello di Lettere con il patrocinio del suo Comune. Domenica 6 novembre a partire dalle ore 19:00 la manifestazione si sposterà eccezionalmente presso l’ Hotel Miramare a Castellammare di Stabia . Slow Food è partner dell’edizione stabiese – “ Castellammare di Stabia è un territorio che ha una naturale vocazione turistica, ha una storia gastronomica che si perde nella notte dei tempi ed ha ottimi prodotti gastronomici, circondata com’è dagli orti stabiesi, dalle colline sorrentine, dal mare e addirittura dalla montagna con Monte Faito – commenta Mauro Avino presidente dell’Associazione Slow Food Costiera Sorrentina e Capri – ha tutto, e non si comprende come mai non riesca ancora, tranne poche ottime eccezioni, ad esprimere una diffusa ristorazione all’altezza di questi elementi. Per questo motivo sosteniamo la manifestazione, portatrice di cultura gastronomica e del fare squadra ” Insieme alla presenza delle decine di Chef di tutta la Campania, in qualità di Cuochi dell’Alleanza Slow Food saranno presenti Il Cellaio di Don Gennaro di Vico Equense con un gâteau di patate, scarole e fagioli ‘cannellino dente di morto’ un’antica varietà campana, Lo Stuzzichino di Sant’Agata sui Due Golfi con una zuppa di Cicerchie di Serra de’ Conti e finocchietto selvatico di San Costanzo, ed infine La Torre di Massa Lubrense con una zuppa di Castagne del Monte Faito della zona Cepparico, prodotto in grande difficoltà, minacciato da insidie naturali e dall’abbandono dei territori montani. Lo stand dei produttori stabiesi partecipanti al Mercato della Terra a Piano di Sorrento completerà la squadra slow. Si potranno infatti assaggiare e acquistare dalle aziende Orti di Stabiae , L’Orto di Carmela e Orti di Schito , prodo tti a base dei carciofi di Schito, fagioli canari dei M onti Lattari, i fagioli sciuscielli, confetture e tanto altro. Non mancheranno ovviamente i biscotti di Castellammare con l’azienda B iscottificio Maresca. L’ ingresso del costo di 20 euro, 17 per i soci Slow Food, darà diritto a sei piatti e due calici serviti direttamente dagli Chef e con la collaborazione dei sommelier di AIS Penisola Sorrentina . I contributi andranno completamente all’Associazione “Tra cielo e mare” per sostenere le spese di organizzazione.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.