L’Europa fa bene al Vino, la Brexit No, grosso problema per il mercato britannico

Ricevendo il comunicato dell’Unione Italiana Vini che pubblichiamo diremmo che l’Europa fa bene al mondo del vino, infatti le politiche antieuropee invece sono nemiche del vino, crediamo che l’Europa, però, non sia un Cash&Carry come pensano alcuni imprenditori mal consigliati, non è che se ti piace l’aspetto col segno più del mercato puoi prendere solo questo, invece è normale, soggiacere anche alle “etichettature” e alle normative che sull’immediato possono sembrare a noi svantaggiose. In Ogni caso è solo con L’Unione Europea che l’export può avere una certa redditività per i produttori italiani, anche i più piccoli. I Problemi dettati dalla brexit ce lo indicano, con un “prima e dopo” che i produttori ora stanno affrontando. Ma il guaio è anche per le imprese italiane in Gran Bretagna che fondano la loro esistenza sul Made in Italy agroalimentare e per i consumatori inglesi che si vedono rincarare o addirittura non trovare più, etichette che desideravano nel loro quotidiano.

Prodotti Tipici del Sud
Prodotti Tipici del Sud

Tempi dilatati e code per operazioni doganali, nuove norme fitosanitarie, burocrazia e costi extra più o meno nascosti: da circa un mese la Manica è più stretta per l’export di vino made in Italy, con il post-Brexit che sta rivelando disagi più allarmanti di quanto previsto. E’ quanto emerge da un’inchiesta esclusiva pubblicata sull’ultimo numero de ‘Il Corriere Vinicolo’, in uscita oggi. 

Secondo il settimanale di Unione italiana vini (Uiv) – che ha intervistato produttori, importatori e spedizionieri – la situazione è preoccupante su più fronti: da quello logistico (con l’eurotunnel che viaggia a rilento e il sistema doganale inglese che sta soffrendo sotto il carico del nuovo lavoro) a quello informatico (disallineamento tra sistemi Ue e Uk); dai nuovi costi più o meno occulti del sistema di sdoganamento, allo spettro del cambio di formula sugli accordi di gestione del trasporto e delle pratiche doganali con nuovi oneri a carico delle imprese, anche a seguito dell’adeguamento dalla formula “ex-works” alla FCA (free carrier). Tendenza confermata, secondo quanto riportato nell’inchiesta, dalla WSTA – associazione che riunisce oltre 300 tra importatori, distributori e aziende di trasporto del settore wine and spirit inglese – che tranquillizza sul fronte sistema delle accise dove si sta lavorando con il governo per renderlo più equo. 

Tra le altre testimonianze, quelle degli spedizionieri con le associazioni Confetra, Assocad e l’operatore Mail Boxes e dei produttori Zonin1821, Serena Wines, Schenk e Fratelli Martini, tra i principali esportatori in un mercato da circa 750 milioni di euro l’anno per il vino italiano.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pentole Professionali