Canapa, ministero della sanità grazia il settore, soddisfazione di Agrinsieme

Ringraziamo il Governo per aver accolto le nostre richieste e aver temporaneamente sospeso le disposizioni ministeriali con le quali le composizioni per somministrazione a uso orale di cannabidiolo, ottenuto da estratti di Cannabis, sarebbero state inserite, a partire dalla fine del mese di ottobre, nell’elenco delle sostanze stupefacenti e psicotrope”. Lo afferma il coordinamento di Agrinsieme, che riunisce Cia-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, esprimendo parziale soddisfazione per i contenuti di un nuovo decreto del Ministero della Salute, che va a tutelare le diverse migliaia di agricoltori che hanno deciso di investire con grande coraggio e forza di volontà sulla canapa industriale.

Va infatti scongiurato il rischio di nuove battute d’arresto per un comparto di grande rilevanza in termini di diversificazione del reddito; il settore canapicolo, al contrario, chiede maggiore chiarezza, così da poter contare su un quadro normativo certo che disciplini l’utilizzo delle diverse destinazioni d’uso della canapa industriale, con particolare riferimento a diversi settori della bioeconomia, quali la nutraceutica, la biocosmesi e la salute della persona”, prosegue il coordinamento.

Accogliamo pertanto con soddisfazione l’intenzione manifestata dal ministro della Salute Roberto Speranza di convocare il Tavolo di filiera interministeriale, del quale abbiamo ripetutamente sollecitato l’istituzione, coinvolgendo i ministeri dell’Agricoltura, dell’Interno, della Giustizia e dello Sviluppo economico e tutti gli attori del comparto”, aggiunge Agrinsieme.

“Ribadiamo che senza tale Tavolo di confronto sarà molto complicato definire un piano di settore che favorisca lo sviluppo del comparto e vada a dipanare tutte le incertezze normative legate alle singole destinazioni d’uso della canapa industriale, che stanno frenando la crescita di una coltura che può rappresentare un’importante opportunità di reddito per le imprese e le cooperative agricole”, conclude il coordinamento tra Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pentole Professionali