Campagna per l’ ippica con il Mipaaf

Il Mipaaf, unica Pubblica Amministrazione al mondo ad occuparsi direttamente della gestione del settore ippico, valutato alla stregua di altri settori agricoli di eccellenza, mette oggi in campo, per il secondo anno consecutivo, una campagna integrata di comunicazione di impianto moderno per il suo rilancio, tanto come sistema economico, quanto passione sportiva ad alto valore eco-sociale.
 
Una scelta che trascende la contingenza dell’emergenza sanitaria che il Paese sta attraversando a causa della pandemia Covid, segno di una concreta intenzione di portare da subito nuova linfa a un comparto altamente interconnesso e che secondo le stime Fieracavalli-Nomisma ha un potenziale di mercato di popolazione interessata al mondo del cavallo pari a 1 italiano su 4.
 
La crisi della raccolta delle scommesse ippiche, iniziata insieme a quella economica del 2009, è da tempo stabile e senza segni di ripresa, oltre che in stonata controtendenza rispetto alla costante crescita (CAGR 2003- 2018 + 12,83%) del settore dei giochi pubblici, dove è passata da un’incidenza sul totale del 19,1% nel 2003 allo 0,5% del 2018: questo, da una parte, a causa della disaffezione del pubblico e dall’altra, per la forte concorrenza dei giochi online e delle scommesse virtuali che, tra l’altro, sono riusciti a conquistare anche il pubblico femminile. Dal punto di vista allevatoriale, invece, l’Italia è riconosciuta a livello mondiale per la qualità dei suoi prodotti e per le performances dei suoi cavalli nelle competizioni internazionali più prestigiose. A livello europeo, l’Italia è il terzo paese produttore di cavalli trottatori, sempre nelle primissime posizioni nelle European Top List per i risultati conseguiti in corsa, e il settimo produttore di purosangue inglesi.
 
La campagna multicanale e multilivello (affissioni, tv generalista, adv, social media, siti web) voluta dal Ministero intende accompagnare gli ippodromi nella comunicazione degli eventi a calendario e supportare allo stesso modo anche le principali aste selezionate italiane, per arrivare al coinvolgimento del grande pubblico generalista, al quale presenta l’esperienza delle corse come un evento dal vivo unico ed emozionante, in cui convivono tradizione, valori positivi e sentimento sportivo. La campagna avrà il suo culmine a Fieracavalli, salone internazionale tra i maggiori al mondo che raduna a Verona tutti i protagonisti dell’universo equestre, dallo sport al turismo, dall’ippoterapia al business, una vetrina con 168.000 spettatori a cui raccontare il nuovo percorso che il Ministero sta elaborando per il settore.
In questo contesto, l’emergenza Covid, seppure costringa a una gestione più ponderata della presenza del pubblico ai grandi eventi, non solo non spaventa ma costituisce un’opportunità. In un momento storico in cui, per ragioni contingenti, si privilegiano le attività all’aria aperta e si stanno riscoprendo esperienze più a contatto con la natura, unitamente a un’accresciuta consapevolezza ambientalista, l’ippica può senza dubbio rappresentare un’attrattiva, specialmente tra le nuove generazioni: i grandi eventi dell’ippica, spettacolari e a basso impatto ambientale, sono in grado di traghettare il grande pubblico verso un intrattenimento rinnovato e dall’allure prestigiosa, riportando al centro dell’attenzione il cavallo e tutti i valori di tradizione, integrità ed eleganza che dal secoli porta con sé.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pentole Professionali