Benissimo Salerno, si punta forte su Spiagge libere e Ombrelloni comunali

Non si può che indicare a modello il comune di Salerno per la gestione delle spiagge libere in questa strana estate in Pandemia, sia di esempio alle troppe amministrazioni comunali che pensano che negare diritti chiudendo e non avendo responsabilità sia la scorciatoia, sia di esempio a chi nei comuni avalla varie scelte che tendono a favorire privati a scapito del litorale pubblico e riservato a tutti. La Giunta Comunale, presieduta dal Sindaco Vincenzo Napoli, ha approvato nella seduta odierna – su proposta degli assessori Caramanno (Ambiente) e De Maio (Urbanistica), il programma operativo per assicurare alla cittadinanza ed ai turisti la fruizione libera e sicura degli arenili pubblici.

Il Comune di Salerno ha già provveduto a censire le aree disponibili. Su queste aree saranno installati ombrelloni pubblici che svolgeranno la duplice funzione di garantire l’ombra e definire le distanze minime di sicurezza tra i bagnanti. Il Comune di Salerno garantirà altresì la pulizia e la sanificazione degli arenili.

Nei prossimi giorni si procederà ad una gara per affidare tali zone ai gestori che ne faranno richiesta. Costoro dovranno vigilare sul contingentamento degli accessi, affinchè non si verifichino assembramenti, e garantire la tenuta dei registri di presenza.

L’accesso alle spiagge e la fruizione degli “ombrelloni comunali” sarà totalmente gratuita. I bagnanti potranno eventualmente servirsi del servizio di noleggio delle attrezzature balneari assicurato dai gestori in loco.

A supporto dei gestori la Polizia Municipale e la Protezione Civile svolgeranno funzioni di sorveglianza per scongiurare assembramenti.

Il Comune di Salerno garantisce la fruizione libera, gratuita, sicura e persino comoda (con l’originale novità degli ombrelloni pubblici) delle spiagge cittadine. E’ un sistema sperimentale che confida  nella rigorosa autodisciplina personale e collettiva. Ciascuno dei bagnanti dovrà fare la propria parte per tutelare la salute personale e collettiva e permettere a tutti di trascorrere qualche ora di sano relax e benessere sulla spiaggia.

Al tempo stesso, con i servizi facoltativi, anche i gestori avranno la possibilità di realizzare utile e creare lavoro. Un modello Salerno virtuoso ed efficace che sarà ovviamente monitorato per porre rimedio ad eventuali disfunzioni ed anomalie.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.