-->

Categoria | Itinerari del Gusto

Mercato della Terra, di scena il Peperone

Inviato il 10 Luglio 2019 di Carlo Scatozza

Domenica 14 luglio appuntamento con l’ultimo mercato di Slow Food dei mesi più caldi per poi rivedersi a settembre

L’inizio è fissato come sempre alle ore 9.00, quando lo squillo della tromba inviterà ad entrare e a visitare i banchetti delle aziende partecipanti al Mercato della Terra di Piano di Sorrento; alle ore 11.00 si parte invece con un nuovo laboratorio, questa volta dedicato al peperone e alle sue varietà.

Assieme ai pomodori, alle zucchine e alle melanzane, il peperone è uno degli ortaggi principe dell’estate, da consumare crudo o cotto, ripieno o grigliato, sott’olio o essiccato. 

I peperoni si differenziano prima di tutto per il colore: quelli rossi hanno una polpa compatta e il sapore deciso, i gialli sono più succosi ed hanno una maggiore tenerezza e dolcezza, infine i verdi sono solitamente gli esemplari non ancora pienamente maturi e si caratterizzano per un gusto leggermente acidulo.

Molto apprezzati per la loro croccantezza sono i peperoni cruschi della Lucania che, dopo essere sottoposti a un processo di essiccazione, vengono fritti.

Celebri per la loro bontà sono le varianti partenopee e in particolare la papaccella napoletana, peperone dalle bacche piccole schiacciate, molto carnoso e saporito, e il friariello o peperoncino di fiume dal colore verde intenso e dal gusto dolciastro.

Nell’Area Educazione esperti e produttori forniranno a coloro che prenderanno parte al laboratorio notizie storiche, informazioni scientifiche e ricette riguardanti i peperoni. Dopo l’introduzione della storica dell’arte Assunta Vanacore, seguiranno gli interventi dell’agronomo Alessandra Balduccini e della nutrizionista Carmen Starace. La parola passerà poi ai produttori Vincenzo Egizio dell’omonima azienda di Brusciano, conosciuto come il “re della papaccella” e Vincenzo Astarita dell’azienda agricola Le terre alte di Sorrento che ci mostrerà una variante nostrana del peperone crusco.

Saranno poi loro a condurre una piccola degustazione che chiuderà in maniera conviviale e appetitosa quest’interessante laboratorio.

Condividi!

Rispondi