Da Napoli la tutela del Panettone Artigianale

Il panettone e il pandoro, i dolci italiani tipici delle feste più conosciuti ed amati. A stabilire i disciplinari di produzione dei due must delle feste, perché possano fregiarsi di tali nomi, è un decreto adottato dai Ministeri delle Politiche Agricole e delle Attività Produttive nel luglio 2005, che ne definisce le caratteristiche minime da rispettare e gli ingredienti da usare.

E le linee guida di questo decreto sono state rilanciate dalla Consulta Nazionale dell’Agricoltura nell’operazione Panettone Artigianale e sicuro 2011, che ha visto anche la promozione, per la Provincia di Napoli, di un Decalogo per la tutela dei dolci natalizi della tradizione Partenopea Campana e Italiana.

“In base a questa specifica normativa, ha spiegato Rosario Lopa, rappresentante della Consulta, soltanto i prodotti che rispettano il disciplinare produttivo sancito dal decreto stesso, potranno utilizzare la denominazione riservata Panettone e Pandoro. Con la normativa si raggiungerà così un duplice risultato: assicurare la più ampia trasparenza e correttezza del mercato e garantire il consumatore, che attraverso l’etichetta potrà verificare la qualità del prodotto. Tutti gli operatori, dovranno, quindi, rispettare le stesse regole di base, al di sopra delle quali ognuno potrà migliorare le ricette, usando quell’estro e fantasia che da sempre hanno contraddistinto i produttori italiani, sia industriali che artigianali. La denominazione riservata può costituire il primo passo per ottenere una effettiva tutela dei panettoni e pandori made in Italy sui mercati esteri, dove non è raro rilevare casi di contraffazione. Questo anche delle industrie produttrici italiane, che hanno accolto con grande favore questa normativa, ma và, suggerisce Lopa, regolamentata anche sulle produzioni destinate all’esportazione. Un fatto importante, visto che l’export assorbe oggi l’8% della produzione italiana di dolci lievitati di ricorrenza natalizia, ma con una maggiore spinta promozionale e soprattutto con iniziative volte a difendere la qualità dei prodotti, la percentuale potrebbe salire nei prossimi anni. Appena le condizioni istituzionali ce lo  consentiranno,ha concluso Lopa, avvieremo come Provincia di Napoli e l’Associazione Pasticcieri Napoletani, un progetto di filiera per la valorizzazione dell’artigianalità delle metodiche di produzione del Panettone.

Carlo Scatozza

redattore di Campania Slow | Contatto Facebook: http://it-it.facebook.com/people/Carlo-Scatozza/1654720386

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.