Capodanno in Costera amalfitana: tra natura, tradizioni e tanta gastronomia locale di qualità

Fine d’anno con il botto in Costiera Amalfitana. Un programma ricco di eventi e di suggestioni che tra i momenti più significativi propone giovedì 30 dalle ore 10.00 alle ore 17.00 ad Amalfi “Itinerari d’ incanto” tra storia e natura, “ La filiera delle arti e antichi mestieri “, nei vicoli e nelle piazzette del centro storico a cura della Compagnia del Sipario Medioevale di Verona.

Giovedì 30 dicembre ore 9.30 a Conca dei Marini nel piazzale di San Pancrazio divertimento per piccoli e grandi con la Compagnia degli Sbuffi. Si prosegue venerdì 31 alle ore ore 23.00 con il Capodanno Amalfitano “ Aprimme l’anno nuovo con tric-trac e botte, passammo chesta notte in allegria ”, animato da sfilate dei gruppi folkloristici di Capodanno. La suggestioni e le emozioni che la Costiera Amalfitana regala a turisti e visitatori di tutto il mondo non diminuiscono nel mite inverno mediterraneo. Le vacanze di Natale in Costiera Amalfitana sono molto suggestive, soprattutto perché inserite in un contesto paesaggistico, dove i caratteristici paesini assumono l’aspetto di presepi a grandezza naturale. Le manifestazioni sia civili che religiose sono molto sentite in Costiera Amalfitana come del resto in tutto il Bel Paese.

Il veglione della notte di San Silvestro rappresenta però il momento clou. Alberghi e ristoranti della Costiera Amalfitana offrono gli ingredienti classici di una tradizione antica. Al Calajanara Restaurant dell’Albergo La Conca Azzurra di Conca dei Marini un menù di intuizione creativa secondo le classiche ricette della gastronomia Amalfitana: con Coppa di benvenuto con sfizioserie costarole, per proseguire con Coda di rana pescatrice in verza saporita e guazzetto di vongole, Risotto ai frutti di mare e ai frutti di bosco, Ravioli di burrata agerolese con peperoni e zucchine, Filetto di spigola di cattura su purè di sedano e ceci con salsa di riso; quindi Sorbetto di limone al finocchietto selvatico. Il menù prosegue con Controfiletto di vitello ai funghi porcini con castagne e vin brulè, Strudel del Vesuvio, Zampone e lenticchie augurali, delicata caramellata di pere pennate con gelato alla vaniglia su melone d’ inverno, Soffiato di pastiera napoletana con salsa di cioccolato e trionfo di zeppole, strufoli e altri dolci della tradizione. A mezzanotte non ci si può esimere dal count down che scandisce i secondi che salutano il vecchio anno ed al rintocco della mezzanotte i fuochi d’ artificio sul mare fanno da scenario al brindisi augurale per il nuovo anno.

Mai rifiutarsi di mangiare le lenticchie, la tradizione vuole che portino ricchezza per l’ anno appena arrivato e come diceva l’ indimenticabile Eduardo “ non è vero ma ci credo” quindi perché non rischiare?
La notte di Capodanno è ancora piccola, se si vuole rispettare la tradizione fino in fondo bisogna attendere l’alba, momento magico che sulla Costiera Amalfitana resta indelebile nella mente del turista ed allora balli e festa, tanto l’indomani si dorme fino a tardi.

Alessandro Tartaglione

Direttore Responsabile di Campania Slow | Contatto Facebook: http://www.facebook.com/a.tartaglione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.