Mondragone, Città della Bufala: firmato l’accordo costitutivo

Nella giornata di giovedì 28 maggio l’Assessore all’Agricoltura Antonio Capuano ha sottoscritto, unitamente ad altri 14 comuni, presso la sede l’Associazione Nazionale Comuni d’Italia (ANCI), l’atto costitutivo dell’Associazione Nazionale “Città della Bufala”. Prima della formalizzazione della costituzione di questa nuova ed importante realtà associativa di rilevanza nazionale promossa da ANCI e Res Tipica, si è celebrata la premizione dei caseifici vincitori alla kermesse “Mozzarella in Comune”, svoltasi il 21 febbraio 2009 e che ha visto la partecipazione di ben cinque caseifici: Antico Casale, Il Vecchio Mastello, La Divina, Antica Sinuessa e La Bufalina che hanno conquistato un oro, due medaglie di bronzo ed una menzione speciale. Premi che hanno posto Mondragone al vertice come uno dei due Comuni più premiati del Concorso. Dopo la premiazione si è proceduto, dianzi ad un notaio appositamente convenuto, alla formale costituzione dell’Associaizone Nazionale “Città della Bufala” con la quale si vuole promuovere non solo la mozzarella ma l’intera filiera bufalina sull’esempio di altre e già avviate Associazioni come “Città del Vino”, “Città del Nocciolo”, “Città dell’Olio di Oliva” ed altre. Erano presenti insieme all’Assessore Capuano il consigliere comunale avvocato Camillo Federico e il dottor Francesco Nazzaro che hanno seguito l’iter amministrativo del Concorso e della costituzione dell’Associazione.

“Con la Città della Bufala” commenta l’Assessore Capuano “offriamo per la prima volta alla Città di Mondragone una opportunità seria e concreta di promozione mirata e finalizzata per i nostri caseifici. Mi piace ricordare che questa Associazione, di rilievo nazionale, nasce con il supporto tecnico e scientifico dell’ANCI e dell’Associazione Res Tipica che già sostiene e promuove iniziative simili per prodotti agroalimentari caratteristici. Tra le prime iniziative, a benefici di tutte le Associaizoni sarà quello di avere in pieno centro di Roma un punto di assaggio e degustazione a cui potranno partecipare tutti gli aderenti, con finalità di promozione e di inserimento lavorativo per ragazzi svantaggiati. Inizia ora un percorso, ampiamente condiviso dal Sindaco Achille Cennami, affinchè questa Associazione sia realmente operativa e concreta avendo come primario obiettivo di coinvolgere oltre i 15 comuni fondatori tutte le altre realtà comunali interessate dalla filiera della Bufala. Il primo pensiero di rivolge quindi all’intero Cilento.”

“Si tratta di un primo e concreto passaggio a favore della nostra produzione casearia” commenta l’avvocato Camillo Federico “Nel mentre i lavori dell’Associazione si avviano è intenzione dell’Amministrazione Comunale di verificare la possibilità, con tutti i caseifici, di avviare un ragionamento ampio e condiviso sulle denominazioni di origine e di controllo della provenienza del prodotto, ben sapendo che solo la qualità certificata oggi è sinonimo di forza sui mercati di vendita.”

Alessandro Tartaglione

Direttore Responsabile di Campania Slow | Contatto Facebook: http://www.facebook.com/a.tartaglione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.